Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Falsa talassemia per la pensione, truffa all'Inps: salgono a 100 gli indagati

Avrebbero agevolato i finti malati per incassare la pensione. L'inchiesta della guardia di finanza è partita da una segnalazione da parte dei medici dell'istituto di previdenza: "Avviate le azioni disciplinari nei confronti dei due dipendenti coinvolti"

La sede Inps di via Laurana

L'Inps ha avviato le azioni disciplinari nei confronti dei due dipendenti coinvolti nella truffa milionaria scoperta dalla guardia di finanza, che i una prima tranche ha visto indagate 54 persone con l'accusa di aver finto di essere affette da gravi patologie - come la talassemia - per ottenere le pensioni di invalidità. Grazie alla contraffazione dei certificati medici e alla complicità di due dipendenti dell'istituto di previdenza gli indagati, saliti ora a 100 secondo quanto riferisce l'istituto. "L’Inps - si legge in una nota - ringrazia la guardia di finanza di Palermo per la brillante operazione investigativa che ha permesso di indagare oltre 100 soggetti per truffa aggravata nei confronti dell’Istituto per un profitto illecito che supera il milione di euro.

L’indagine nasce dall’attività ispettiva dell’Istituto a seguito della segnalazione di anomalie da parte dei medici Inps di Palermo e dalla successiva denuncia alle autorità competenti presentata dalla direzione provinciale che risale al 2015. "I risultati ottenuti - commentano dall'Inps - dimostrano l’efficacia dei consolidati rapporti di collaborazione tra i diversi attori istituzionali interessati. A seguito dei fatti emersi dall'inchiesta, l'Inps ha modificato le procedure di accoglimento delle richieste di indennità che ora prevedono, su tutto il territorio nazionale, la verifica preventiva della certificazione medica da parte del coordinamento medico legale dell’Inps. L’Istituto ribadisce l’impegno delle sue strutture centrali e territoriali nel contrasto all’indebita e illecita fruizione di contributi e sussidi pubblici".

Ecco chi sono i 39 indagati colpiti dal provvedimento di sequestro firmato dal gip a conclusione dell’indagine. Antonina Accetta e prosegue con Anna Alfano, Emanuele Cefalù, Gaetano Corrao, Giuseppe Cucchiara, Claudio Demma, Giovanni Di Blasi, Rosalia Di Dio, Vincenzo Di Fede, Luigi Di Gregorio, Ninfa Di Gregorio, Pietro Di Mariano, Margherita Di Piazza, Mario Di Vita, Salvatore Favazza, Vito Gallina, Angelo Giuliano, Giovanni Ingrassia, Faro Leone, Giuseppe Lucchese, Settimo Mancino, Francesca Pace, Francesco Pace, Maria Palazzolo, Vincenzo Pilo, Girolamo Pitti, Giovanni Randazzo, Giuseppe Randazzo, Francesco Rinaudo, Salvatore Savoca, Andrea Scalia, Paolina Stagno, Maurizio Tannurella, Antonino Terranova, Saverio Todaro, Maria Lauretana Varisco, Carlo Ventimiglia, Anna Vinci, Provvidenza Virzi.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falsa talassemia per la pensione, truffa all'Inps: salgono a 100 gli indagati

PalermoToday è in caricamento