rotate-mobile
Venerdì, 2 Dicembre 2022
Cronaca

Truffe sugli eventi culturali, l'ex consigliere comunale Giulio Cusumano patteggia la pena

L'imputato era stato arrestato a maggio scorso assieme al compagno, il cantante Alessio Scarlata, che ha concordato anche lui la condanna. Per la Procura attraverso una serie di falsi i due avevano incassato contributi pubblici in realtà non dovuti

Una truffa ai danni dello Stato per intascare contributi pubblici legati a spettacoli ed eventi culturali in realtà non dovuti. L'ex consigliere comunale Giulio Cusumano e il suo compagno, il cantante Alessio Scarlata, finiti agli arresti domiciliari il 2 maggio scroso, hanno deciso di patteggiare la pena.

L'accordo tra Procura ed imputati è stato accolto dal gup Maria Cristina Sala nel corso di un'udienza che si è svolta nei giorni scorsi: 2 anni la condanna per Cusumano e un anno e 2 mesi per Scarlata, in entrambi i casi con la sospensione condizionale della pena. L'inchiesta era stata coordinata dal procuratore aggiunto Sergio Demontis.

Le intercettazioni: "Chiunque sarà sindaco dovrà discutere con noi"

Secondo la ricostruzione dell'accusa, i due avrebbero intascato illecitamente poco più di 20 mila euro in relazione a due progetti, la "Festa del Teatro 2018", gestita dall'associazione "Disincanto", per cui a fronte di un contributo pubblico di 9.721,31 euro sarebbero stati non dovuti ben 9.050,34 euro, e "Tradizioni e Natale nelle Capitali della Cultura 2018", presentato da "Attivamente onlus", in cui a fronte di un finanziamento di 26.627 euro ricevuti a dicembre 2018, 11.875,32 euro sarebbero stati non dovuti. Dalle intercettazioni, però, per la Procura, sarebbe emerso un modus operandi, basatto su spese gonfiate e false fatture, finalizzato poi anche ad ottenere consenso politico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffe sugli eventi culturali, l'ex consigliere comunale Giulio Cusumano patteggia la pena

PalermoToday è in caricamento