Cronaca

Truffa all'Enel, arrestate altre tre donne della banda

In manette sono finite la madre, la sorella e la moglie di Nicolò Regina, considerato il capo della banda. Secondo quanto accertato erano parte attiva dell'organizzazione e si occupavano della gestione degli affari illeciti dell'organizzazione

Veronica Rosa, 32 anni

Dopo il fermo avvenuto mercoledì scorso nei confronti di Nicolò Regina (32) di Castelvetrano e Alessandro Ingarra (29) di Vigevano, considerati da anni al vertice di un’organizzazione criminale dedita alle truffe all’Enel, il nucleo di polizia Tributaria della guardia di finanza di Palermo, su disposizione del gip, ha posto agli arresti domiciliari la madre e la sorella di Regina: rispettivamente Anna Giammarinaro (62) e Carmela Regina (29) - foto in basso - originarie del trapanese ma residenti a Isola delle Femmine. Ai domiciliari anche la moglie, Veronica Rosa (32), nativa di Abbiategrasso (provincia di Milano) ma da qualche tempo stabilmente a Tenerife insieme al marito e presunto capo della banda. (LE IMMAGINI DELL'OPERAZIONE)

"Le tre donne - si legge in una nota della Finanza - da quanto emerso nel corso delle indagini, erano parte attiva dell’organizzazione e si occupavano, sotto la direzione di Nicolò Regina, della gestione degli affari illeciti dell’organizzazione. Dall’isola delle Canarie, infatti, venivano impartite le disposizioni agli altri membri del clan: la Giammarinaro, in particolare, era deputata alla gestione dei conti correnti e delle transazioni bancarie, mentre Carmela Regina teneva i contatti con i clienti, occupandosi di riscuotere i pagamenti (spesso in contanti), e di interagire con l’Enel per volturare i contatori morosi prima del distacco dell’energia. Veronica Rosa - si legge ancora - aveva il compito di gestire da Tenerife la fatturazione delle finte bollette, che compilava e trasmetteva agli altri sodali deputati ad interloquire con i clienti della banda".

Nell’ambito del medesimo provvedimento, il gip ha confermato per Nicolò Regina la misura coercitiva della custodia cautelare in carcere ordinando, contestualmente, il sequestro di tre conti correnti utilizzati dall’organizzazione criminale per l’effettuazione delle truffe. L’operazione delle Fiamme gialle di Palermo (denominata "Bella vita") - che ha portato finora all’arresto di cinque persone - ha tratto origine da una denuncia presentata agli investigatori, lo scorso anno, dall'Enel. Le successive investigazioni, infatti, hanno condotto alla scoperta di un’ingente frode, allo stato quantificata in circa due milioni di euro.

Il meccanismo truffaldino, basato su un articolato sistema di volture, ha consentito al sodalizio criminale di mantenere in funzione i contatori che continuavano ad erogare energia, pur non vedendosi l’Enel pagato il corrispettivo per le forniture.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa all'Enel, arrestate altre tre donne della banda

PalermoToday è in caricamento