menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Truffa dei diamanti falsi, anziano in lacrime inchioda tre palermitani

La polizia di Ragusa ha recuperato 3.500 euro che la banda aveva "frodato" ad un ottantenne. L'uomo si è recato in questura e ha raccontato la dinamica dell'imbroglio

L'ultima vittima designata è stata un anziano di 80 anni, che piangendo si è recato in questura e ha raccontato la dinamica del raggiro. Si chiude probabilmente qua la vicenda dei tre palermitani che dopo aver colpito praticamente in tutta la Sicilia, accumulando una valanga di denunce, hanno riproposto la classica truffa dei diamanti a Ragusa. Una tentata "fregatura" finita questa volta con una denuncia. La polizia iblea infatti adesso ha recuperato 3.500 euro che i palermitani avevano "frodato" ad un ottantenne, vittima della banda. 

Si tratta di tre uomini rispettivamente di 66, 67 e 39 anni, finiti nei guai con l'accusa di aver venduto falsi diamanti e gioielli spacciati per veri. Sono stati bloccati nei giorni scorsi in un albergo ragusano, poco prima di tornare a Palermo. L'anziano ieri si è recato in questura ammettendo di esser stato truffato e ha riconosciuto gli autori del raggiro, dopo avere letto sui giornali la notizia della denuncia, e aver visto le foto dei palermitani.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento