rotate-mobile
Sabato, 4 Febbraio 2023
Cronaca

"Reimmatricolava auto a noleggio e poi le vendeva", chiesti 8 anni per la truffa da 800 mila euro

La requisitoria per Alessio Spiaggia, arrestato a novembre dell'anno scorso e che ha scelto di essere processato con il rito abbreviato. Si sono costituite parte civile una settantina di persone che, convinte di acquistare la macchina dei loro sogni, si sarebbero invece ritrovate soltanto con il portafoglio alleggerito

Otto anni e 4 mesi di carcere. E' questa la richiesta di condanna formulata dalla Procura al gup Annalisa Tesoriere per Alessio Spiaggia, 28 anni, che è accusato di aver truffato decine di persone vendendo loro auto che non erano sue e all'insaputa dei loro stessi proprietari. Il processo si sta svolgendo con il rito abbreviato e la sentenza dovrebbe arrivare a dicembre.

La requisitoria si è svolta stamattina. Secondo il sostituto procuratore Giacomo Brandini, che aveva coordinato l'indagine con la collega Giorgia Spiri, l'imbroglio ammonterebbe ad oltre 800 mila euro. Nel processo si sono costituite parte civile una settantina di persone, che sarebbero tutte vittime di Spiaggia (sono assistite, tra gli altri, dagli avvocati Maurilio Panci e Matteo La Barbera).

I clienti dell'imputato sarebbero stati convinti di fare l'affare della loro vita e di acquistare finalmente la macchina dei loro sogni - tra cui anche una Maserati Levante e diverse Audi di grossa cilindrata - ma alla fine si sarebbero ritrovate con nulla in mano e il portafoglio alleggerito anche di diverse decine di migliaia di euro.

Spiaggia era stato arrestato il 4 novembre dell'anno scorso, in seguito all'inchiesta della guardia di finanza di Bagheria, coordinata dal procuratore aggiunto Sergio Demontis. Aveva poi violato i domiciliari - secondo l'accusa per truffare banche e società finanziarie - e così lo scorso febbraio era finito in carcere.

Per la Procura, l'imputato avrebbe usato sempre lo stesso trucco: avrebbe noleggiato auto nei principali aeroporti dell'Isola, ma anche a Roma, Napoli e Torino, e attraverso una serie di falsi atti di vendita le avrebbe poi reimmatricolate a suo nome o a nome di due società di mediazione intetsate a lui, infine le avrebbe rivendute a concessionarie e privati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Reimmatricolava auto a noleggio e poi le vendeva", chiesti 8 anni per la truffa da 800 mila euro

PalermoToday è in caricamento