Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca

"Truffa all'Asp con fatture gonfiate", indagati madre e figlio amministratori d'un laboratorio d'analisi

I due sono stati sospesi per un anno dall'attività professionale: secondo la guardia di finanza, tra il 2014 e il 2018, avrebbero percepito indebitamente 292 mila euro facendo inserire nelle ricette codici errati per le prestazioni sanitarie. Sequestrati 300 mila euro

Sono accusati di aver truffato, tra il 2014 e il 2018, il servizio sanitario regionale mediante un sofisticato sistema di sovra rendicontazione e fatture "gonfiate" di prestazioni sanitarie: per questa ragione due amministratori di un laboratorio d'analisi della zona di corso dei Mille, accreditato con l’Asp sono finiti indagati per truffa. Si tratta di A. D. D. (75 anni) e di G. C. (34 anni), rispettivamente madre e figlio, sono stati sospesi per un anno con un provvedimento del gip di Palermo Lirio Conti.

Dalle risultanze delle indagini condotte dal nucleo di polizia economico finanziaria della guardia di finanza - coordinate dal procuratore aggiunto Sergio Demontis e dal sostituto Andrea Zoppi - i due amministratori avrebbero truffato 292 mila euro all’Asp nel giro di quattro anni. Motivo per cui il gip ha disposto anche un sequestro nei confronti della società dell'importo di 300 mila euro.

"E' stato appurato - spiega la guardia di finanza - che i dipendenti del laboratorio suggerivano direttamente o indirettamente, tramite i pazienti, ai medici di base codici erronei del nomenclatore regionale da inserire nelle ricette, così consentendo la rendicontazione di esami inutili o non compatibili con le caratteristiche del laboratorio al solo fine di far lievitare i costi delle prestazioni da fatturare in capo all’Asp".

E' stata una segnalazione dell'Asp a sollevare il caso, i controlli del Gruppo Tutela spesa pubblica del nucleo hanno portato all'interdizione dei due amministratori. Anche la società è stata segnalata all'autorità giudiziaria per responsabilità amministrativa degli enti "per aver tratto un indebito profitto dalla truffa commessa nel suo interesse da parte degli indagati", concludono i finanzieri. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Truffa all'Asp con fatture gonfiate", indagati madre e figlio amministratori d'un laboratorio d'analisi

PalermoToday è in caricamento