Trovato cadavere di un uomo: giallo nelle acque della Cala

Ad attivare l'intervento è stata una segnalazione, arrivata alle prime luci dell'alba. Il cadavere è stato recuperato dai vigili del fuoco e dagli uomini della capitaneria di porto

Cala, ritrovato cadavere - foto Campolo

E' giallo nelle acque della Cala. Il corpo di un uomo di 55 anni è stato trovato nel tratto di mare di fronte al porticciolo. La vittima si chiamava Mario Segreto. Il cadavere è stato recuperato dai vigili del fuoco e dagli uomini della capitaneria di porto, nei pressi del curvone. Sul posto la polizia che ha transennato la zona, e  il medico legale che dopo l'ispezione sul corpo dovrà stabilire le cause della morte.

L'uomo - secondo le prime ricostruzioni - sarebbe uscito di casa nel cuore della notte. "Ad attivare l'intervento - dicono dalla capitaneria di porto - è stata la chiamata di un passante, arrivata alle prime luci dell'alba, che segnalava un cadavere che galleggiava in acqua".

Segreto sarebbe stato notato da un uomo intorno alle 4 mentre stava camminando sul lungomare. Da capire come poi sia finito in acqua. A occuparsi delle indagini è la Procura, insieme alla capitaneria di porto: il ritrovamento è avvenuto nei pressi della banchina dove si trovano i mezzi nautici della guardia costiera. Al momento non si esclude nessuna ipotesi. E' stata disposta l'autopsia. Sotto shock i familiari giunti sul luogo della tragedia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

Torna su
PalermoToday è in caricamento