rotate-mobile
Cronaca Libertà / Via Isidoro Carini

Palermo ricorda Dalla Chiesa, il figlio Nando: “Delitto politico”

In città anche il ministro Cancellieri. Si inizia alle 10 in via Carini, luogo della strage. Per la prima volta partecipa alle manifestazioni anche la figlia Rita, che annuncia: "Tornerò a vivere a Palermo"

Oggi Palermo commemora il prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa, ucciso dalla mafia il 3 settembre '82 insieme alla moglie Emanuela Setti Carraro e all'agente Domenico Russo. La commemorazione comincerà alle 10 con la deposizione sul luogo dell'eccidio, in via Isidoro Carini, di una corona d'alloro alla presenza del ministro dell'Interno, Anna Maria Cancellieri, in rappresentanza del Governo. Alla cerimonia prenderà parte anche la figlia di Dalla Chiesa, Rita, che finora non aveva mai partecipato alla commemorazione nel capoluogo siciliano.

Commemorazione Carlo Alberto Dalla Chiesa@Tm news infophoto

LEGGI ANCHE: I CENTO GIORNI A PALERMO DEL SUPERPREFETTO

"Ci sono voluti trent'anni e mi sono decisa all'ultimo momento – dice al Corriere della Sera -. Accompagnata da mia figlia Giulia che non aveva mai messo piede in questa città". Rita spiega che tornerà a vivere a Palermo: "Quando smetterò di lavorare, questo sarà il mio posto. Io ci voglio vivere a Palermo. Bella com'è. Dico a me stessa che la speranza dei palermitani onesti non è finita".

Così alla Stampa il figlio Nando: "Fu un gesto così palese, smaccato, squassante, qualche giorno dopo l'assassinio di mio padre diedi un'intervista a Giorgio Bocca. Ricordo che feci dei nomi, dissi che era stato un delitto politico e di cercare i mandanti nella Dc, dopo trent'anni non ho cambiato idea. Allora - aggiunge - non avevo alcuna esperienza politica, ma lo riconfermo in pieno. Fu una cosa così sfrontata che mi rimprovero di non avere nemmeno immaginato che potessero ucciderlo. Pensavo che se lo avessero fatto davvero, sarebbe stato come firmare il delitto. Non immaginavo ancora che in Italia in pochi avrebbero voluto vedere la firma". Dalla Chiesa-3-3

Poco dopo nella Chiesa di S. Giacomo dei Militari, all'interno della caserma che porta il nome di Carlo Alberto Dalla Chiesa ed è sede del comando legione carabinieri Sicilia, sarà celebrata una messa. Alle 19, in municipio, il procuratore aggiunto di Palermo, Antonio Ingroia, e il sindaco Leoloca Orlando parteciperanno alla presentazione del libro di Luciano Mirone su Dalla Chiesa, "A Palermo per morire".

“A trent'anni di distanza dalla strage di via Carini – dichiara il sindaco Orlando - è un dovere tenere viva la memoria del loro sacrificio, che ha segnato un punto di svolta nella storia del movimento antimafia. Occorre che oggi come allora siano alti l'impegno e l'attenzione delle Istituzioni, di tutte le Istituzioni contro il perverso e criminale intreccio fra mafia e politica.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palermo ricorda Dalla Chiesa, il figlio Nando: “Delitto politico”

PalermoToday è in caricamento