Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Riceve del sangue infetto e muore, il ministero deve risarcire i familiari

Nel 1984 L.M. si era sottoposto a un intervento chirurgico all'ospedale Civico. Nel corso dell'operazione aveva ricevuto del plasma, risultato contaminato. Per i giudici moglie e figli dovranno ricevere l'indennizzo

foto archivio

I giudici del Tar di Palermo hanno condannato il ministero della Salute a dare esecuzione a una sentenza del Tribunale di Palermo con la quale era stato condannato a risarcire i familiari di uomo morto a causa di una trasfusione avvenuta con sangue infetto.

Nel 1984 L.M. si era sottoposto a un intervento chirurgico all'ospedale Civico. Nel corso dell'operazione era stata eseguita una trasfusione, ma il sangue era infetto. Nel 2008 il paziente si è ammalato. Poi ricoverato alla clinica Maddalena, le sue condizioni erano molto gravi e alla fine di una lunga agonia è morto.

I giudici hanno condannato il ministero a pagare 180 mila euro alla moglie e 140 mila euro ai cinque figli: complessivamente 880 mila euro. E adesso i giudici amministrativi hanno condannato il ministero, che dovrà pagare entro sessanta giorni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riceve del sangue infetto e muore, il ministero deve risarcire i familiari

PalermoToday è in caricamento