Fiumi di droga dalla Kalsa fino ad Altavilla, in appello 20 condanne e un'assoluzione

Pena ridotta per Antonino Abbate, nipote del boss Luigi, detto 'Gino u mitra'. Le indagini, condotte da polizia e carabinieri, avevano portato alla luce un'organizzazione dedita allo spaccio e fatto emergere il ruolo di Ottavio Abbate, processato separatamente: gestiva i contatti e la rete di pusher

L'ex convento della Kalsa trasformato in centrale della droga

Venti condanne in appello a Palermo nel processo per il traffico di droga nel quartiere Kalsa. La sentenza è stata emessa ieri sera dalla quarta sezione della Corte d'appello di Palermo. Assolto uno solo dei 21 imputati del processo, Mario Marretta, in primo grado condannato a 12 anni davanti al Gup. Il collegio era presieduto da Mario Fontana. Tra i protagonisti del traffico di droga Antonino Abbate, nipote del boss Luigi, detto 'Gino u mitra', ma anche cugino omonimo di un imputato del processo per l'omicidio dell'avvocato Enzo Fragalà. Per Abbate pena ridotta da 16 a 15 anni di carcere.

Tutte le altre pene: Giuseppe Tumminia 14 anni e otto mesi, Ferdinando Matuozzo 13 anni e quattro mesi, Mario Mancino 11 anni e 9 mesi, Benito Eros Culotta 8 anni e 8 mesi, Luigi Parolisi 8 anni e 8 mesi, Giovanni Battista Di Giovanni 4 anni), Antonino Barbera 8 anni, Gaetano Leto 6 anni e otto mesi, Ciro Spasiano 4 anni e 10 mesi, Salvatore e Calogero Lupo 4 anni, Gaetano Matuozzo 14 anni, Gaetano Giunta 4 anni, Fabrizio Alfano 2 anni e 6 mesi, Giuseppe Bronte due anni e 6 mesi, Gaetano Ferrara 2 anni, Pietro Rubino 2 anni, Marco Bardi un anno e 2 mesi, Domenico Capoccia 5 anni e 2 mesi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Droga a domicilio dal centro fino a Brancaccio: retata alla Kalsa, 13 arresti

Le indagini, condotte da polizia e carabinieri, a maggio 2017 aveva portato all'arresto di diversi malviventi, accusati per reati attinenti al traffico di stupefacenti. La droga, su richiesta, arrivava in periferia o addirittura fuori città. L’organizzazione criminale sfruttava tutti i suoi sodali, sia per la vendita al dettaglio che per le forniture destinate alla periferia (tra Zen, Brancaccio e Arenella, molto “forte” nello spaccio di cocaina) e alla provincia. Ma l’attività principale si svolgeva proprio alla Kalsa, piena di vedette a ogni ora del giorno e della notte per scrutare movimenti sospetti e visite non gradite. A guidare la consorteria criminale Ottavio Abbate, fratello del boss Luigi conosciuto come "Gino u mitra", con precedenti per associazione mafiosa e per produzione e traffico di stupefacenti, appartenente alla famiglia mafiosa di "Porta Nuova" che è stato processato separatamente. La banda aveva trasformato l'ex convento della Kalsa in una centrale della droga. Tra i clienti anche gli studenti del Nautico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, coinvolto il cantante De Martino: morto un sessantenne

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Apre a Palermo l'Antica pizzeria da Michele, dopo Napoli è l'unica del Sud Italia

  • Omicidio a Camporeale, colpi di pistola in piazza: morto un ragazzo di 26 anni

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Condannato a 5 anni il questore di Palermo: "Caso Shalabayeva, fu sequestro di persona"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento