menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Test medicina all'Università degli studi di Palermo

Test medicina all'Università degli studi di Palermo

Oltre tremila giovani per 642 posti Medicina, si apre la danza dei test

Questo è il primo anno accademico in cui tutti i 124 corsi di laurea all'interno dell'Università degli studi di Palermo sono a numero chiuso. Ed è polemica sui corsi preparatori troppo costosi

Tensione, ansia, speranza, sconforto. E’ tutto un miscuglio di sentimenti contrastanti quello che anima i 3365 giovani che stamattina tentano per la prima o l’ennesima volta l’accesso a una delle facoltà più ambite anche a Palermo, quella per l’appunto, di Medicina e Chirurgia che offre 642 posti. C’è chi ha studiato per più di un anno per prepararsi a questo giorno e chi ha speso parecchio denaro per permettersi il corso preparatorio. “Studio dall’inizio dello scorso anno scolastico – racconta Claudia Alessi, 19 anni, ex studente del liceo scientifico Mamiani che vorrebbe diventare logopedista -. Ho frequentato sia mentre ero a scuola che durante l’estate il corso del Cesmo e i miei hanno dovuto sborsare oltre tre mila euro”. Le fa eco un’aspirante Chirurga plastica: “Ci siamo preparate molto – dice Martina Caronia, 19 anni – e speriamo di riuscire con tutte le nostre forze”.

Ogni volta che si parla di test, si alza sempre la polemica sui corsi preparatori, costosi e senza nessuna garanzia: “Si dovrebbe combattere questo sistema – dice Cristina De Cordova, mamma di una ragazza che oggi ha partecipato alle selezioni – e inserirne uno più meritocratico in base al rendimento durante il primo anno di università”. Molti cedono ma non tutti: “Abbiamo deciso di studiare da sole perché riteniamo improponibile il costo del corso preparatorio – dichiarano proprio davanti all’entrata dell’edificio 19 della cittadella universitaria Rosangela Maniscalchi e Marika Campagna -. Quest’estate non ci siamo risparmiate e speriamo in un buon risultato”. Punto debole? “Sicuramente cultura generale – rispondono sicure -. Non si può sapere tutto e su questo ci affidiamo ai tg che abbiamo visto e…alla fortuna”.

Infine c’è anche chi sarebbe pronto a lasciare la propria facoltà e abbandonare gli studi intrapresi per un “posto” a Medicina: “L’anno scorso – spiega Teresa Pandolfo – ho passato il test ad Ingegneria Ambiente e Territorio. Non mi trovo male, ma certamente cambierei nel caso in cui passassi i test”. Dello stesso avviso Veronica Valenti e Nicoletta Sulli che per il secondo anno di seguito provano il test: “Se non dovessimo farcela di nuovo sceglieremmo un altro corso di laurea”.

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento