Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Boom di iscrizioni ai test universitari, Medicina in testa con il 15% in più

Quest'anno è stato registrato un aumento medio del 12%, con quasi 14 mila iscrizioni alle prove scritte. Le più gettonate sono, oltre a Medicia, Architettura e Farmacia. Lagalla: "Segnale di fiducia degli studenti per l'ateneo"

A cinque giorni dalla chiusura delle iscrizioni, l’università palermitana registra un vero e proprio boom per le prove scritte di accesso ai corsi, con un aumento superiore al 12%. Sono infatti 13877 gli studenti che proveranno a superare i test, 1700 in più rispetto al valore dell’anno passato. ''Una conferma della fiducia degli studenti nell'Ateneo - dichiara il rettore Roberto Lagalla - fiducia cui rispondiamo con il massimo impegno nell'offrire servizi di qualità, attività di tutorato efficaci e opportunità di inserimento nel mondo del lavoro''.

L’incremento di iscrizioni riguarda quasi tutte le facoltà, ma è Medicina e Chirurgia a salire sul gradino più alto del podio grazie a un aumento di ben 15 punti percentuali, e il dato è già definitivo. Le aspiranti matricole di medicina saranno ben 3571, perciò si prospetta una dura battaglia a suon di libri, visto che i posti disponibili (compresa Odontoiatria) sono solo 430. Queste facoltà, insieme a quelle di Architettura, Farmacia e ai corsi di laurea triennali delle professioni sanitarie, registrano infatti il più alto tasso di partecipazione.

Per l’ateneo di Palermo questo è già il secondo anno con tutti i corsi a numero chiuso, e i posti che ha potuto mettere a disposizione (calcolati in base alle risorse finanziarie) sono 10017.  ''L'adozione del numero chiuso per tutte le dodici facoltà – spiega Lagalla - è una necessità che deriva dai limiti imposti dalla normativa, che mette in relazione il numero di studenti immatricolabili alle risorse umane e alle strutture disponibili. Solo rispettando i parametri in termini di docenti e di aule, si può ottenere l'accreditamento dei corsi di studio”. 

"Invitiamo l’amministrazione dell'Ateneo di Palermo - si legge in una nota dell'Udu - a far seguire ai festeggiamenti per l’alto numero di iscritti un’attenta riflessione su come l’introduzione del numero programmato in tutti i corsi stia profondamente modificando le scelte di tanti giovani siciliani in merito al proprio futuro didattico. Il numero di iscritti entusiasticamente annunciato, ricordiamo, è pur sempre abbastanza inferiore rispetto a quello che si registrava quando i corsi erano ancora a numero aperto (si contavano circa 15000 iscritti), a dimostrazione di un sistema che oggi blocca la carriera di tanti studenti ancora prima di cominciare. Il nostro è l’unico Ateneo in Italia in cui la totalità dei corsi di laurea prevede un test d’ingresso".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boom di iscrizioni ai test universitari, Medicina in testa con il 15% in più

PalermoToday è in caricamento