Cronaca

Rischio terremoto, Alotta (Pd) chiama il Comune: "Palermo sarebbe pronta?"

Tendopoli, uffici, "aree di raccolta": il consigliere comunale tiene alta l'attenzione sul rischio sisma. Presentata un'interrogazione a Palazzo delle Aquile: "Solo con una adeguata preparazione si potrà sperare di fronteggiare al meglio eventuali calamità"

Palermo è preparata di fronte a possibili eventi sismici? Ricordare, prevenire, progettare: il consigliere comunale del Pd Salvo Alotta, tiene alta l'attenzione sul rischio sisma. La sua non è una sinistra profezia, ma un "memorandum" contro possibili crepe. L'esponente del Partito democratico ha appena presentato un’interrogazione per chiedere se il Comune di Palermo "sia preparato di fronte a possibili eventi sismici". "E quindi - dice Alotta - mi chiedo se esistano uffici preposti, se esistano strutture per accogliere eventuali tendopoli, se siano state individuate aree attrezzate e di raccolta, se i residenti nelle fasce costiere siano mai stati informati dei rischi che potrebbero correre, se si abbia contezza di quali edifici, pubblici e privati, siano maggiormente a rischio".

Alotta sottolinea soprattutto l'aspetto della prevenzione. "Solo con una adeguata preparazione - spiega - si potrà sperare di fronteggiare al meglio eventuali calamità. La Sicilia è, come la storia ci ha insegnato, una Regione a rischio sismico. In caso di calamità naturali, a fare la differenza è la predisposizione di piani e direttive che possano aiutare la popolazione ad adottare comportamenti corretti che potrebbe anche salvare le vite umane.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rischio terremoto, Alotta (Pd) chiama il Comune: "Palermo sarebbe pronta?"

PalermoToday è in caricamento