"Datemi il certificato", poi mette a soqquadro ufficio: due medici picchiati a Termini

E' accaduto all'interno del servizio di medicina legale e fiscale dell'Asp. A dare l'allarme è stata un'impiegata, che ha assistito alla scena. Sono intervenuti i carabinieri. Candela: "Basta violenze, ci costituiremo parte civile"

Lo stabile in cui ci sono gli uffici dell'Asp

La richiesta di un certificato, il "no" e la violenza con sedie usate come armi. E' quanto accaduto stamani negli uffici del servizio di medicina legale e fiscale dell'Asp a Termini Imerese, dove due medici sono stati aggrediti. Lo rende noto l'Asp.

Il caos è scoppiato poco dopo le 10.30. "Un utente, che pretendeva, senza averne diritto, un certificato - si legge in una nota - ha prima minacciato e poi aggredito due medici colpendoli violentemente alla presenza di un' impiegata amministrativa che ha dato subito l'allarme chiamando i carabinieri e il 118". I medici sono stati immediatamente soccorsi e trasportati in ambulanza al pronto soccorso dell'ospedale Cimino. Anche la dipendente amministrativa, in evidente stato di shock, è stata costretta a fare ricorso alle cure dei sanitari.

Desolante ed eloquente, la scena che si è presentata ai soccorritori: scrivanie spostate, sedie divelte, documenti sparsi per terra e macchie di sangue sulle sedie. 

"Sostegno, supporto in tutte le sedi competenti e massima solidarietà" dal commissario dell'Asp di Palermo, Antonio Candela. “Ci costituiremo parte civile in un eventuale procedimento a carico di chi si è reso colpevole della vile aggressione – sottolinea – diciamo con fermezza basta alla violenza e basta a chi pretende con la forza e la sopraffazione di avere ciò di cui non ha diritto”.

"Ospedali sicuri", polizia e militari in corsia: si parte dal Civico“

Si tratta solo dell'ultimo episodio registrato ai danni di chi lavora in corsia o in uffici dell'Asp. Solo giovedì notte un'infermiera è stata afferrata e scaraventata a terra da una paziente al pronto soccorso del Civico. Un'esplosione di violenza che ha spinto il ministro della Salute Giulia Grillo a intervenire. Già venerdì in Consiglio dei ministri sarà esamitano un provvedimento che mira a inasprire le pene per chi commette violenze contro il personale sanitario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Bimbo cade dal letto e muore a soli 10 mesi, i suoi organi salvano due vite

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

  • Suicidio all'Uditore, cinquantenne si getta dalla finestra e muore

Torna su
PalermoToday è in caricamento