menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Liquami nel mare di Termini Imerese, Figuccia: "Subito la bonifica"

La denuncia del parlamentare regionale che ha effettuato un sopralluogo: "Ho constatato personalmente che il liquido nauseabondo sversato in mare risulta essere di un colore nerastro riconducibile molto probabilmente al percolato"

Nel mare di Termini Imerese un "nauseabondo liquido di colore nerastro". La denuncia arriva da Vincenzo Figuccia deputato Udc all’Ars e leader del Movimento CambiAmo la Sicilia. "Sollecitato da alcune associazioni ambientaliste - spiega -  mi sono recato per un sopralluogo lungo la costa dell’area industriale di Termini Imerese, dove alcuni residenti hanno segnalato e documentato con materiale video fotografico sversamenti di liquami in mare, attraverso canaloni e scarichi sotterranei non risultanti nella planimetria ufficiale; ho constatato personalmente che il liquido nauseabondo sversato in mar, risulta essere di un colore nerastro riconducibile molto probabilmente al percolato".

"Gli sversamenti lungo il litorale oltre a danneggiare il mare - prosegue Figuccia - arrecano danni anche a quella che è la catena alimentare in quanto il percolato viene assorbito dei pesci che poi noi mangiamo, con risultati devastanti per la salute umana. La questione non coinvolge solo la comunità di Termini Imerese, in quanto il percolato deriva verosimilmente dal trattamento dei rifiuti umidi provenienti dalla discarica di Bellolampo, ormai da tempo satura".

"Esprimo apprezzamento per l’azione di tutte le associazioni ambientaliste – continua il parlamentare - che si sono attivate tempestivamente segnalando il caso alla capitaneria di porto che è intervenuta prelevando dei campioni di sostanze sversate lungo la costa da inviare all’Arpa per un esame più approfondito. Nelle mie prerogative da parlamentare dell’Ars – conclude Figuccia – stamane ho depositato un’interrogazione rivolta agli Assessori di competenza per fare chiarezza sulla questione, chiedendo espressamente la bonifica dell’area, scongiurando un disastro ambientale che avrebbe effetti devastanti sulla salute".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento