Tenta di mandare pullman fuori strada, sudanese arrestato per tentato omicidio plurimo

Si tratta di Hassan Kacem Nuh, 32 anni, arrivato a Lampedusa nel 2011 a bordo di un barcone. Lavora come bracciante agricolo e non ha contatti con "ambienti radicalizzati". Recentemente ha perso i genitori ed è entrato in uno stato di depressione: esclusa la pista del terrorismo

E' accusato di tentato omicidio plurimo aggravato il sudanese di 32 anni, Hassan Kacem Nuh, che ieri ha tentato di mandare fuori strada un pullman mentre si trovava sull'autostrada Palermo-Trapani. L'arresto dell'extracomunitario è stato convalidato e l'uomo è stato trasferito nel carcere di San Giuliano a Trapani.

Hassan si trovava a bordo del pullman della linea "Salemi" partito da Marsala (e non Trapani come detto ieri in un primo momento) e diretto a Palermo. Il sudanese si è alzato dal suo posto, senza urlare, e si è avvicinato all'autista per poi prendere in mano il volante e provare a sterzare bruscamente. Decisivo l'intervento di due poliziotti fuori dal servizio che si trovavano a bordo del mezzo.

Si tratta di un musulmano praticante, che però non ha contatti con "ambienti radicalizzati" o che inneggiano al terrorismo. Il 32enne lavora come bracciante agricolo a Marsala e stava andando a Palermo per rinnovare il permesso di soggiorno, ottenuto per asilo politico. E’ arrivato con un barcone a Lampedusa nel 2011. E’ una persona un po’ dimessa che vive ai margini. Recentemente ha perso i genitori e non l’ha presa tanto bene, cadendo in uno stato di depressione. Sull'episodio lndaga la Digos sul fronte antiterrorismo (una pista però che ormai si è sgonfiata) e la polizia di Trapani, oltre alla procura di Palermo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • Incidente a Monreale, scontro frontale tra due auto sulla circonvallazione: un morto

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Nuova tragedia in sala parto: neonata muore alla clinica Triolo Zancla

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

Torna su
PalermoToday è in caricamento