Indagine chiusa: fondatori del teatro Zappalà rischiano processo per bancarotta fraudolenta

Secondo il procuratore Sergio Demontis ed il sostituto Andrea Fusco, che hanno coordinato l’inchiesta della guardia di finanza, padre e figlio nel 2017 avrebbero pilotato il fallimento della società che gestiva la struttura per evitare di pagare debiti per 760 mila euro

Franco ed Antonio Zappalà, storici fondatori dell’omonimo teatro di via Autonomia Siciliana, rischiano un processo per bancarotta fraudolenta ed autoriciclaggio. La Procura ha infatti appena chiuso l’indagine a loro carico e si appresta a chiedere il loro rinvio a giudizio.

Il Teatro Zappalà era finito sotto sequestro lo scorso 3 dicembre e, una settimana dopo, il gip aveva deciso di riconsegnarlo alla cooperativa che lo gestisce, senza dissequestrarlo. Un modo per permettere all’attività di andare avanti e di non compromettere la stagione teatrale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo il procuratore Sergio Demontis ed il sostituto Andrea Fusco, che hanno coordinato l’indagine della guardia di finanza, nel 2017, padre e figlio avrebbero pilotato il fallimento della società che gestiva il teatro per evitare di pagare debiti per 760 mila euro, maturati soprattutto nei confronti dell’Erario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stretta anti covid, ecco l'ordinanza: mascherine all'aperto, divieto di stazionare in strada

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Reddito di cittadinanza, per il mese di sospensione potranno essere chiesti i buoni spesa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento