Lunedì, 26 Luglio 2021
Cronaca

Pù spettatori e produzioni, meno costi: il Teatro Massimo chiude il bilancio in attivo

I ricavi propri superano i cinque milioni di euro, con un attivo di 72.971 euro. I ricavi da botteghino sono cresciuti del 19,9% per effetto sia della vendita di biglietti (12,1%) sia degli abbonamenti (7,8%)

Per il quinto anno consecutivo la Fondazione Teatro Massimo chiude il suo bilancio in attivo. Il Consiglio d’indirizzo ha approvato all’unanimità il bilancio 2017: i ricavi propri superano i cinque milioni di euro, con un attivo di 72.971 euro e si conferma "una condizione strutturale di equilibrio conseguita dalla Fondazione grazie a una rete di azioni progressivamente messe in atto nel corso degli ultimi anni. Il risultato conseguito per l’anno 2017 è in linea con la programmazione effettuata e con il piano di risanamento, con un aumento del valore della produzione di 243.760 euro".

E' stata portata avanti anche un'azione di contenimento dei costi. "Nonostante l’incremento di tutte le attività e della produzione - si legge nella relazione che accompagna il bilancio - i costi per servizi sono sostanzialmente stabili, mentre il costo per il personale continua a decrementarsi (- 159.514 euro rispetto all’esercizio precedente) pur registrando un incremento della produttività (+ 0,80%) e un incremento del valore prodotto da ciascun dipendente (+ 2,50%). Questo dato conferma l’attenzione che è stata posta al controllo dei costi, a una conduzione virtuosa con particolare riferimento al personale aggiunto a tempo determinato che è stato limitato solo alle esigenze strettamente necessarie alla produzione artistica che, come è noto, è stata incrementata in ordine alla imprescindibile esigenza di aumentare le alzate di sipario e relativa offerta, strategia peraltro premiata dalla positiva risposta del pubblico".

I ricavi da botteghino sono cresciuti registrando un incremento complessivo pari al 19,9% per effetto sia della vendita di biglietti (12,1%) sia della vendita degli abbonamenti (7,8%). I ricavi delle prestazioni sono stati, inoltre, positivamente influenzati dalle risorse del Patto per Palermo, pari a complessivi 385.000 euro (+32,6% rispetto all’esercizio precedente), finalizzate alla realizzazione dei progetti “Opera Camion” e “Estate in Piazza” che hanno un forte impatto sociale; dai ricavi per coproduzioni per 97.750 euro (+84,4%) rispetto all’esercizio precedente.

"Il 2017 - si legge nel documento - ha rappresentato un anno assai importante per il teatro e per la città. Un anno in cui è coincisa la ricorrenza dei 120 anni dalla inaugurazione e del ventennale della riapertura del teatro, il 400° dalla fondazione del conservatorio Vincenzo Bellini e la ricorrenza dei 70 anni del compositore palermitano Salvatore Sciarrino, tra i massimi interpreti del linguaggio musicale contemporaneo. La programmazione ha valorizzato queste ricorrenze che hanno segnato in maniera significativa la vita della città e del Teatro Massimo. Nel corso della stagione 2017 si è rafforzata la politica delle coproduzioni con importanti teatri italiani e internazionali e si è proseguito nel progetto di incrementare i livelli produttivi e le presenze della Fondazione all’estero. Non meno importante è stata la continua attenzione verso i più giovani e il territorio della città metropolitana, verso le aree urbane periferiche, meno a contatto con il teatro. Con il progetto Massimo Community Lab è nata quindi una vera programmazione parallela alla stagione principale che ha inteso rivolgersi alle famiglie, alle comunità straniere, ai ragazzi, con la ferma intenzione di proseguire l’attività al di fuori dal teatro. Il progetto ha coinvolto i ragazzi non solo come pubblico ma anche come interpreti, e, oltre al Coro di voci bianche e al Coro Arcobaleno, nel corso del 2017, ha preso vita, con grande slancio, la Kids Orchestra formata da bambini tra gli 8 e i 15 anni". 

Bilancio-Teatro-Massimo-31-dicembre-2017

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pù spettatori e produzioni, meno costi: il Teatro Massimo chiude il bilancio in attivo

PalermoToday è in caricamento