In Sicilia nasce il primo network regionale per la salvaguardia delle tartarughe marine

Con un provvedimento della Regione sono stati autorizzati altri due centri di primo soccorso

Uniformità di procedure, rapidità ed efficacia degli interventi di recupero e professionalità sanitarie di eccellenza sono le caratteristiche che rendono il network un valore aggiunto per la salvaguardia del mare e delle coste. Con provvedimento della Regione Siciliana sono stati autorizzati altri due centri di primo soccorso per la tutela delle tartarughe marine presso le sedi dell’Izs Sicilia di Catania e Ragusa. Con Palermo, sede del Centro di referenza Nazionale, Lampedusa e Linosa, e in collaborazione con l’Area Marina Protetta delle Egadi, si consolida il ruolo dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia quale riferimento nazionale e regionale per la tutela della biodiversità e della natura. 

Da un punto di vista operativo, il network potrà contare su una capillare rete di assistenza che opera in favore della natura e dell’ambiente con il prezioso contributo delle altre Amministrazioni, dalla Guardia Costiera alla rete delle Capitanerie di Porto, oltre alle Associazioni di volontariato ed ambientaliste con le quali si opera in stretta sinergia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Si riafferma il ruolo centrale dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia nell’ambito della valorizzazione, sensibilizzazione ed educazione ambientale – ha detto il commissario straordinario dell’Izs Sicilia Salvatore Seminara - Il network regionale permetterà di garantire un costante e completo monitoraggio delle nostre coste e una maggiore tutela dell’ambiente marino. Inoltre presso l’Istituto nascerà una struttura all’avanguardia – continua Seminara - dove saranno effettuati gli interventi chirurgici, la rieducazione, la preparazione per la re immissione in natura, lo studio del Dna della popolazione dell’area mediterranea e il monitoraggio attraverso la localizzazione satellitare. L’obiettivo è quello di creare un modello gestionale di centri di recupero da diffondere capillarmente sul territorio regionale per ampliare la rete di sorveglianza delle tartarughe marine”. Il numero verde per contattare gli operatori del network è 800620266.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento