Cronaca

Tartarughe liberate di fronte all'Addaura: Antonella, Cleopatra e Beatrice tornano in mare

Gli esemplari di Caretta caretta erano stati recuperati a Milazzo e Terrasini. Dopo essere stati curati nel centro dell'Istituto Zooprofilattico sperimentale della Sicilia sono stati reinseriti nel loro habitat naturale

La liberazione delle tartarughe

Tre tartarughe sono state liberate a largo delle acque palermitane, a circa tre miglia dalla costa dell'Addaura, con l’aiuto della Capitaneria di Porto di Palermo. Gli esemplari di Caretta caretta sono tornati in mare dopo essere stati curati e riabilitati nel Centro di referenza nazionale per il benessere, monitoraggio e diagnostiche delle malattie delle tartarughe marine dell’Istituto Zooprofilattico sperimentale della Sicilia.

Due delle tartarughe curate e libertate oggi, due femmine adulte di 32 e 35 chili battezzate Antonella e Cleopatra, sono state recuperate a Milazzo il 5 giugno scorso. La terza tartaruga liberata a largo delle acque palermitane, una femmina di 18 chili, battezzata con il nome di Beatrice era stata recuperata a Terrasini il 10 giugno. Al momento del ritrovamento, le condizioni di tutte le Caretta caretta erano buone: nessun esemplare presentava lesioni degne di nota per cui i veterinari del Cretem sono intervenuti solo con terapie di supporto e alimentazione controllata.

Alla cerimonia di liberazione erano presenti il personale della Capitaneria di Porto di Palermo che si è occupato della re immissione in territorio delle tartarughe e il personale medico veterinario dell’Izs Sicilia che ha curato gli esemplari per poterle riportare nel loro habitat naturale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tartarughe liberate di fronte all'Addaura: Antonella, Cleopatra e Beatrice tornano in mare

PalermoToday è in caricamento