Shalom ora può nuotare: la caretta caretta recuperata a Ustica tornerà presto in mare

Dopo le cure a Messina, il giovane esemplare - che presentava segni di disorientamento e difficoltà natatorie - è guarito. La liberazione avverrà nelle acque del circolo "Roggero di Lauria". Il presidente del Rotaract Palermo: "Le specie più indifese vanno protette"

Tornerà in mare sabato la tartaruga marina Shalom, recuperata qualche giorno fa nelle vicinanze di Ustica e curata all'ospedale veterinario universitario didattico dell’Università di Messina (Ovud). La tartaruga, della specie caretta caretta, presentava segni di disorientamento e difficoltà natatorie: pertanto è stata immediatamente trasferita presso l’Ovud dove, dopo averne constatato lo stato di salute, è stata sottoposto ad indagini diagnostiche per escludere eventuali malattie infettive e diffusive proprie della specie.

Il giovane esemplare, dopo un periodo di osservazione di circa 10 giorni, è adesso pronto per essere reinserito nuovamente in mare considerate le buone condizioni di salute. La liberazione avverrà sabato, alle 17,30, nelle acque del circolo canottieri "Roggero di Lauria" in collaborazione con il Rotaract Palermo e il Club Decano. "Questo evento - ha dichiarato il presidente del Rotaract Dario Caracappa - testimonia un sentimento di rispetto per l’ambiente, di protezione e sensibilizzazione verso le specie più indifese".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La caretta caretta è una specie esposta a forti rischi d’estinzione e, quindi, è tutelata con maggiore rigore anche per salvaguardarla dalle frequenti catture accidentali: dall’imbrigliamento nelle reti sommerse e in particolar modo dagli effetti letali derivanti all’ingerimento di ami e sacchetti di plastica scambiati per meduse, cibo del quale le tartarughe si nutrono.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia morti altri tre anziani: 75 i nuovi contagi, più della metà a Palermo

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento