Cronaca

Integrazione Tarsu a Terrasini, un comitato: "Bollette non regolari"

Il comitato Terrasini-Cinisi per l'ambiente ha affisso un volantino esplicativo in giro per il paese. Contesta sia il modo in cui gli avvisi sono stati consegnati, che la legittimità della delibera di giunta che ha introdotto l'integrazione

La bolletta della Tarsu, che negli scorsi giorni è pervenuta a molti cittadini di Terrasini, secondo il comitato Terrasini-Cinisi per l'ambiente non sarebbe regolare. "Il sindaco, per mano dell’Agente “Riscossione Sicilia”, - spiega il comitato in una nota- l’ha fatta trovare sotto le porte delle nostre abitazioni: nessuna notifica, nessuna firma di avvenuta consegna per “raccomandata”. Infatti, in assenza di tale notifica (raccomandata), è come se non fosse  mai stata consegnata a noi contribuenti".

Ma c’è dell’altro. "Oltre all’assenza di notifica con lettera raccomandata di cui si è detto - si legge sul blog del comitato -  si sottolinea: 1. totale assenza di indicazione, nell’avviso di pagamento, che specifichi il perché di questo nuovo ulteriore tributo relativo al trascorso anno. Dunque, ambiguità totale e assenza di trasparenza, per non dire altro; 2. sulla questione “aumento retroattivo” (forse l’avviso di pagamento si riferisce a questo?) si prevede un contenzioso legale. Infatti non appare legittima (ma saranno gli Organi competenti a stabilirlo) la relativa delibera di Giunta municipale –31 ottobre 2012- in quanto violerebbe l’Art. 3 com. 1 dello “Statuto del Contribuente” (in pratica non è consentito applicare aumenti di tributi con effetti retroattivi); 3. l’aumento appare del tutto sproporzionato ed ingiusto a fronte di un servizio quasi inesistente, così come dimostrato sia dalla chiusura di alcune scuole disposta lo scorso mese dalle autorità sanitarie per presenza di topi, sia dalla Delibera di Giunta di immediata esecuzione n. 8 del 24/01/’13, che affida incarico ad un legale per opporsi all’ATO-rifiuti che «non ha svolto» -si legge nel testo- le dovute «prestazioni in conformità con il contratto di servizio stipulato tra le parti»".

Per mettere al corrente i residenti il comitato domenica scorsa ha messo in atto un porta a porta e affisso un volantino esplicativo in giro per il paese. Già lo scorso 8 febbraio alcuni cittadini avevano protestato contro l'integrazione della tassa sui rifiuti davanti al comune.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Integrazione Tarsu a Terrasini, un comitato: "Bollette non regolari"

PalermoToday è in caricamento