Morì combattendo con i curdi contro l'Isis, al Foro Italico una targa per Lorenzo Orsetti

L'iniziativa è stata rivendicata dai collettivi artistici Fare Ala e Bendicò e oltre a commemorare il giovane fiorentino rimasto ucciso lo scorso 18 marzo a Bāghūz, in Siria, vuole supportare la popolazione curda sotto attacco da parte delle forze militari turche

La targa comparsa al Foto Italico

Lo scorso 18 marzo il giovane fiorentino Lorenzo Orsetti è morto a Bāghūz, in Siria, mentre combatteva al fianco dei ribelli curdi per cacciare l'Isis dal Rojava. Nella notte al Foro Italico è spuntata una targa a lui dedicata. L'iniziativa è stata rivendicata dai collettivi artistici Fare Ala e Bendicò, neonata formazione siciliane in azione sulla guerriglia odonomastica, e oltre a commemorare il giovane vuole lanciare un messaggio in supporto alla popolazione curda che in questi giorni è sotto attacco da parte delle forze militari turche. 

"Queste operazioni di 'guerriglia odonomastica - fanno sapere dal collettivo Fare Ala - si pongono in continuità con quelle portate avanti insieme a Wu Ming 2 per il progetto 'Viva Menilicchi!' a Palermo, nell'ambito di Manifesta 12". Il collettivo, in collaborazione con Bendicò, ha rinominato una parte del Foro Italico "Giardino Lorenzo Orsetti". Nei giorni scorsi a Roma è stata dedicata, in via istituzionale, una zona del Parco Nomentano alla memoria di Lorenzo Orsetti, mentre Firenze ha approvato la mozione per intitolargli uno spazio pubblico nei prossimi mesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento