Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Tangenti, Riesame accoglie la richiesta: revocati domiciliari a Lo Bosco

Per i giudici non c'è il rischio di reiterazione del reato. Per l'ex manager di Rfi e Ast, l'azienda siciliana di trasporti, è stata formalizzata la rinuncia degli incarichi. L'inchiesta era nata dopo il ritrovamento di un "libro mastro" delle mazzette

Dario Lo Bosco, ex numero uno di Rfi e Ast

Torna a casa l’ex presidente di Rfi. Sono stati revocati i domiciliari per Dario Lo Bosco, uno degli arrestati dalla polizia alla fine di ottobre nell’ambito dell’operazione “Black list”, insieme ai dirigenti del Corpo Forestale della Regione Salvatore Marranca e Giuseppe Quattrocchi, per un presunto giro di mazzette da mezzo milione di euro. Il Riesame ha accolto l’istanza degli avvocati difensori ritenendo che non sussista il rischio di reiterazione del reato.

Avendo l’ex manager di Rfi e Ast, l’azienda di siciliana di trasporti, lasciato i suoi incarichi, non ci sarebbe più alcun "timore" dopo la formalizzazione della rinuncia divenuta quindi definitiva. L’inchiesta, nata dopo il ritrovamento di un “libro mastro” delle mazzette trovato nell’auto dell’imprenditore agrigentino Massimo Campione, aveva documentato un giro di tangenti e appalti sui quali gli investigatori stanno ancora lavorando.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tangenti, Riesame accoglie la richiesta: revocati domiciliari a Lo Bosco

PalermoToday è in caricamento