rotate-mobile
Cronaca

Il giro di tangenti alla motorizzazione civile, la Commissione antimafia avvia un'indagine

L'annuncio del presidente Antonello Cracolici, che ha chiesto di acquisire gli atti documentali che compongono l'ordinanza di custodia cautelare che ha portato a 21 arresti

Dopo l'inchiesta sul presunto giro di mazzette alla motorizzazione civile, che martedì scorso ha portato tra 21 arresti, la Commissione siciliana antimafia ha chiesto l'accesso agli atti documentali che compongono l'ordinanza di custodia cautelare emessa anche nei confronti di 8 funzionari in servizio nell'ufficio. Ad annunciarlo il presidente della Commissione, Antonello Cracolici.

I video con le tangenti e i pizzini: "Qui non si fa niente gratis"

L'obiettivo è di "avviare una nostra indagine conoscitiva sull'inchiesta della Procura di Palermo e della polizia stradale", ha spiegato Cracolici. L'indagine, coordinata dal procuratore aggiunto Sergio Demontis, ha messo in luce come in decine e decine di casi sarebbero stati rilasciati documenti legati per esempio a collaudi o duplicati di carte di circolazione a mezzi che non avrebbero avuto i requisiti in camibio di tangenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il giro di tangenti alla motorizzazione civile, la Commissione antimafia avvia un'indagine

PalermoToday è in caricamento