Cronaca

"Sulla mia strada", continua la campagna: parte la memories challenge

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Una gara al ricordo più bello, per tornare ad accendere i riflettori sulla campagna di crowdfunding dedicata al film "Sulla mia Strada" (scritto da Giuseppe Contarino in collaborazione con Angelamaria Di Salvo) arrivato su Indiegogo il 2 novembre: è partita la Memories Challenge, un'iniziativa virale e commovente.

Il film, che ha ufficialmente inaugurato il suo sito web, vuole raccontare un "viaggio nel tempo" che chiunque potrebbe vivere sulla propria pelle: proprio per sottolineare questo concetto e dare ai possibili compagni di viaggio un assaggio della storia dei protagonisti è partita una vera e propria sfida su Facebook che invita a pubblicare gli oggetti legati ai ricordi più cari.

Giulio (Giulio Beranek), Lele (Fabrizio Falco) e Claudio (Federico Tolardo), protagonisti del film, seppelliscono in giovane età Willy, un forziere che contiene alcuni dei loro oggetti dal grande valore affettivo che li riporteranno emotivamente indietro nel tempo e contribuiranno a dare la spinta per far partire il loro ultimo on the road, il viaggio che gli farà scoprire la loro vera identità: la domanda lanciata da "Sulla mia strada" diventa dunque: quali oggetti avreste messo nel vostro Willy?

Gli oggetti più significativi verranno pubblicati sulla pagina Facebook del film, insieme alle storie che li accompagnano. Storie, che se messe insieme, potrebbero dare vita a quel tipo di racconto che i protagonisti porterebbero in scena se il film riuscisse a nascere. Gli oggetti possono essere fotografati, o, ancor meglio, ripresi e raccontati con un video: perché proprio questi ultimi, realizzati attraverso supporti vecchi e nuovi che segnano un ventennio di progressione della tecnologia (dalle prime handycam ai modernissimi smartphone e Go-Pro), sono componenti essenziali di "Sulla mia strada", che ha ancora bisogno di donazioni, anche minime, da coloro che vogliono vederlo arrivare sul grande schermo.

Grazie alla sua tecnica originale, il found footage, ovvero quella del video ritrovato, il film è esattamente un collage di video che fa in modo che l'immedesimazione nella storia dei giovani protagonisti sia diretta, realizzando quel videoracconto che potremmo vedere se decidessimo di mettere insieme i pezzi della nostra storia personale.

Il film di Giuseppe Contarino è un progetto unico in campo cinematografico proprio grazie alla sua particolare tecnica e alle modalità di ripresa, e necessita di un budget ridotto per approdare sul grande schermo, peculiarità che gli consente di essere il film ideale per il crowfunding e di cercare dei compagni di viaggio che collaborino alla sua realizzazione. Tra i primi sostenitori del progetto troviamo Luca Argentero che ha letto e apprezzato la sceneggiatura dando diversi feedback preziosi e pubblicando un tweet per invitare i suoi follower a far sì che una bella storia venga raccontata.

"Sulla mia strada" viaggia, attualmente, grazie all'appoggio di chi parla del progetto: i membri del cast sostengono questo viaggio mettendosi in gioco in prima persona, come Vincenzo Amato e Federico Tolardo, che hanno pubblicato dei video sulla pagina Facebook di "Sulla mia strada" per spiegare i motivi della loro partecipazione.

Il tempo a disposizione della campagna scadrà il 31 dicembre: è necessario quindi premere sull'acceleratore, per raggiungere la cifra necessaria ad affrontare il viaggio di una vita, ricordando che grazie ai perks (premi) donare significa dare e ricevere, diventando parte a tutti gli effetti del progetto "Sulla mia strada". Per contribuire basta un click sulla pagina Indiegogo dedicata a "Sulla mia strada".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sulla mia strada", continua la campagna: parte la memories challenge

PalermoToday è in caricamento