Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca

Suicidio al Cervello, paziente Covid positivo si lancia dal terzo piano

Un sessantenne originario del Palermitano è morto questa notte dopo essersi gettato nel vuoto dal reparto di Terapia intensiva. I sanitari hanno constatato il decesso dell'uomo che pare avesse sviluppato una sorta di depressione dopo il contagio

Tragedia al Cervello. Un paziente di 60 anni positivo al Covid e ricoverato nel reparto di terapia subintensiva respiratoria si è suicidato questa notte lanciandosi dal terzo piano dell'ospedale, quello in cui vengono curati i soggetti che hanno contratto il virus. Ad accorgersene è stata un'infermiera che ha lanciato l'allarme tramite una guardia giurata che a sua volta ha contattato la sala operativa della polizia.

I sanitari hanno constatato il decesso del paziente, originario del Palermitano, che pare avesse sviluppato una sorta di depressione dovuta all'infezione. Per chiarire i contorni della vicenda gli agenti delle volanti, che dovranno eseguire un tampone per scongiurare altri eventuali casi, hanno ascoltato la versione dei fatti fornita da un'infermiera che avrebbe assistito alla scena.

"La direzione strategica degli ospedali riuniti Villa Sofia-Cervello - si legge in una nota - esprime il proprio cordoglio ai famigliari. Sul punto sono in corso le valutazioni di rito da parte delle autorità preposte".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Suicidio al Cervello, paziente Covid positivo si lancia dal terzo piano

PalermoToday è in caricamento