Detenuto suicida in carcere, indagata per omicidio colposo la direttrice del Pagliarelli

La morte di un giovane di 29 anni, che nel novembre del 2018 si era impiccato nella sua cella: la Procura ha messo sotto inchiesta Francesca Vazzana e lo psichiatra del carcere Rosario Siracusa

Una cella del Pagliarelli

Si era tolto la vita al Pagliarelli impiccandosi nella sua cella. Adesso, a distanza di poco più di un anno, la direttrice dell'istituto penitenziario, Francesca Vazzana, e lo psichiatra Rosario Siracusa sono stati iscritti nel registro degli indagati per la morte del detenuto. L'uomo che si era suicidato aveva 29 anni ed era affetto da una grave patologia psichiatrica. Il detenuto non venne trasferito in una struttura sanitaria adeguata: adesso il sostituto procuratore Renza Cescon ha indagato Vazzana e Siracusa per omicidio colposo.

I fatti risalgono al novembre 2018. Tutto è partito dalla protesta della madre e della sorella del ventinovenne, che hanno sempre contestato la mancanza di misure di vigilanza appropriate per un soggetto che soffriva già di gravi disturbi psichiatrici. Secondo il sostituto procuratore, nei confronti del ventinovenne non fu disposta la sorveglianza a vista 24 ore su 24 come prescritto dai medici che lo avevano in cura. Il detenuto non venne rinchiuso in una cella sicura, privato di oggetti con cui poter compiere atti di autolesionismo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

Torna su
PalermoToday è in caricamento