Detenuto si suicida al Pagliarelli, Apprendi: "Serve garante dell'area metropolitana"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Sono 35, a oggi, i suicidi nelle carceri italiane.Sono morti violente,  dove difficilmente se ne ricostruiscono  le esatte dinamiche. I compagni di cella non si accorgono di nulla, queste persone si muovono come i fantasmi, non fanno rumore, come la loro morte che non sente nessuno, tranne i propri cari, un silenzio spettrale. Sono morti scomodi, non li piangerà la società, anzi, un pensiero in meno, una bocca da sfamare in meno a spese dello Stato. I familiari, invano cercheranno di capire perché  il padre, il figlio, ha deciso di cedere, forse la ricerca di quella libertà tanto sognata. Scegliere la morte per essere liberi per oltrepassare le sbarre del carcere. I 'buoni'' tireranno un sospiro di sollievo, ne leggeranno le sue malefatte e lo malediranno. Si fanno le campagne contro i Garanti regionali e nazionale, mentre a Palermo il comitato Esistono i Diritti si batte ormai da tempo per istituirne la figura dell'area metropolitana". Lo dice Pino Apprendi, presidente di Antigone Sicilia e co-presidente del Comitato Esistono i Diritti.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento