menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Miceli, Barbagallo, Carbone ieri al Pagliarelli

Miceli, Barbagallo, Carbone ieri al Pagliarelli

Tre suicidi in pochi giorni nel carcere Pagliarelli, visita del Pd: "Siamo molto preoccupati"

Ispezione del segretario regionale, Anthony Barbagallo, con il deputato nazionale, Carmelo Miceli: "Garantire la necessaria tutela ai detenuti, incrementare il numero degli educatori ed evitare il sovraffollamento"

Dopo il caso dei tre suicidi nel giro di una decina di giorni, avvenuti ad agosto nel carcere Pagliarelli, ieri il segretario regionale del Partito Democratico e deputato regionale, Anthony Barbagallo, con il deputato nazionale e responsabile dell'area 'Sicurezza' della segreteria nazionale, Carmelo Miceli, ha compiuto un accesso ispettivo nella casa circondariale del capoluogo siciliano. Presente anche Elisa Carbone, sindaco di Sommatino e componente della segreteria regionale del Pd.

I parlamentari hanno incontrato la direttrice dell'Istituto, Francesca Vazzana, raccogliendo alcune indicazioni in particolare per quanto riguarda la carenza di personale sanitario, della polizia penitenziaria e la "totale assenza" di supporto psicologico per il personale della penitenziaria.

"Siamo molto preoccupati - ha detto Barbagallo, al termine della visita - non soltanto dalla vicinanza ma anche dal numero dei suicidi avvenuti al Pagliarelli. Come Partito Democratico riteniamo che vada assistita e garantita la necessaria tutela ai detenuti. Bisogna inoltre garantire migliori piani terapeutici, incrementare il numero degli educatori, evitare il sovraffollamento e proporre misure alternative alla detenzione che possano alleviare, in alcuni casi, le misure che non sono più confacenti con la natura del reato e la durata della pena".

"Questo è solo il primo step - ha aggiunto il deputato nazionale, Carmelo Miceli - di un percorso che ci vedrà costantemente tenere aggiornato il governo. Abbiamo sentito il sottosegretario Giorgis, prima e dopo l'atto ispettivo. E insieme a lui abbiamo immaginato di tornare a breve per ascoltare le istanze dei detenuti, del personale e del direttore che vivono l'istituto tutti i giorni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento