Lunedì, 21 Giugno 2021
Cronaca

Studentessa seguita e stuprata a Villa Bonanno, inflitti 10 anni a uno degli aggressori

La presunta violenza sessuale risale alla sera del 4 luglio del 2019. L'imputato è un bengalese che era stato individuato grazie alle immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza del centro storico. Un suo connazionale è già stato condannato in appello a 6 anni e 8 mesi con l'abbreviato

Un frame del video che aveva immortalato i due presunti stupratori

L'avrebbero seguita mentre da sola rientrava a casa dopo aver trascorso una serata con degli amici e poi l'avrebbero violentata all'interno di Villa Bonanno, proprio davanti alla questura. Uno dei bengalesi fermati per lo stupro è già stato condannato a otto anni di carcere con l'abbreviato, pena poi ridotta in appello a 6 anni e 8 mesi, adesso è arrivata la condanna a dieci anni di reclusione anche per l'altro imputato, processato dalla seconda sezione del tribunale.

I giudici hanno accolto le richieste del procuratore aggiunto Annamaria Picozzi e del sostituto Luisa Bettiol, che avevano coordinato le indagini della squadra mobile. La vittima, una studentessa originaria di un'altra provincia siciliana, si è costituita parte civile con l'assistenza dell'avvocato Debora Speciale e le è stato riconosciuto il diritto al risarcimento dei danni. Il gup Roberto Riggio, che aveva emesso la sentenza con l'abbreviato, le aveva anche accordato una provvisionale di 50 mila euro.

Le telecamere incastrano due bengalesi | video

Lo stupro risale alla sera del 4 luglio del 2019. La giovane stava rientrando a casa dopo essere stata con degli amici. Essendo da sola, sarebbe stata un po' preoccupata e così avrebbe chiamato un amico perché le facesse compagnia a distanza durante il tragitto. A un certo punto i due bengalesi avrebbero iniziato a seguirla e, arrivati all'altezza di Villa Bonnano, l'avrebbero violentata. Uno stupro che sarebbe stato anche filmato con un telefonino.

Dopo la denuncia della studentessa, gli investigatori si erano subito messi sulle tracce dei suoi aggressori e fondamentali per individuarli erano state le telecamere di sorveglianza. Dalle immagini, peraltro, erano emersi i riscontri al racconto della vittima. Inoltre era stato ritrovato sul cellulare di uno dei due anche il video dello stupro. Così i due stranieri, il 13 luglio, erano stati fermati con l'accusa di violenza sessuale. Hanno poi scelto riti diversi per essere processati, ma adesso sono stati entrambi condannati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studentessa seguita e stuprata a Villa Bonanno, inflitti 10 anni a uno degli aggressori

PalermoToday è in caricamento