Cronaca Oreto-Stazione / Via Tiro a Segno

Striscione in via Tiro a Segno: "380 mila euro, il Comune scodinzola ma i cani soffrono"

Gli autori sono gli attivisti de La Foresta Che Avanza, gruppo ecologista di CasaPound Italia, che protestano contro il Comune in merito alla cattiva gestione del canile comunale

Lo striscione davanti al canile

Uno striscione con una scritta: “380 mila euro. Il Comune scodinzola ma i cani soffrono". E' stato affisso nella notte davanti al canile di via Tiro al Segno chiuso per lavori. Gli autori sono gli attivisti de La Foresta Che Avanza, gruppo ecologista di CasaPound Italia, per protestare contro il Comune di Palermo in merito alla cattiva gestione del canile comunale.

“Che la situazione del canile fosse estremamente grave non era una novità – spiegano in una nota gli autori dello striscione – ma il Comune deve garantire il diritto degli animali di trovare un luogo salubre e sicuro fino al giorno dell'adozione, senza possibilità di eludere questo importante compito".

"Il bando per il trasferimento dei cani vinto da due aziende del Casertano prevede lo spostamento degli animali in Campania con un costo di quasi 400mila euro - continua la nota - un esborso enorme per le casse comunali, che sarebbe stato più utile a potenziare la struttura semi-abbandonata, individuarne una alternativa o a finanziare le campagne sul rispetto degli animali come quella contro l'abbandono". "C'è puzza di business nell'intera operazione - conclude la nota - vigileremo sulla questione con attenzione. Noi sosterremo sempre la causa dei diritti degli animali, contro ogni forma di sfruttamento economico".  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Striscione in via Tiro a Segno: "380 mila euro, il Comune scodinzola ma i cani soffrono"

PalermoToday è in caricamento