Ustica 40 anni dopo, il Comune alla cerimonia di Bologna: "Memoria non equivale a giustizia"

Lo ha detto l'assessore alle Politiche Giovanili, Sport e Innovazione, Paolo Petralia Camassa, intervenuto in rappresentanza dell'amministrazione: "L'assenza di verità è una macchia nella storia del nostro Paese e nei rapporti con gli alleati internazionali"

Paolo Petralia Camassa

Si è svolta oggi a Bologna la cerimonia commemorativa per il 40esimo anniversario della strage di Ustica. Presso la sala del Consiglio comunale di Palazzo d’Accursio, dove erano presenti, tra gli altri anche i parenti delle vittime, è intervenuto, in rappresentanza dell'amministrazione comunale di Palermo, l'assessore alle Politiche Giovanili, Sport e Innovazione, Paolo Petralia Camassa.

La memoria si fa viva al museo di Bologna

“L'amministrazione comunale e la città di Palermo - ha detto Petralia - ricordano come ogni anno le 81 vittime della strage avvenuta 40 anni fa nei cieli di Ustica; come ogni anno, Palermo si unisce al dolore e all'impegno dei familiari delle vittime e con loro continua a chiedere verità e giustizia; un'assenza di verità e di giustizia che è una macchia nella storia del nostro Paese ed una macchia nei rapporti di collaborazione con molti nostri alleati internazionali. Un'assenza di verità e giustizia frutto anche di inaccettabili coperture istituzionali in Italia e all'estero. Quest'anno, come già più volte era accaduto in passato, Palermo ricorderà quella strage con l'arte ed il teatro. Sarà ancora una volta una rappresentazione teatrale a commemorare, il prossimo 10 agosto, le 81 vittime, grazie alla straordinaria sensibilità di uomini e donne artisti che con passione si impegnano per mantenere la memoria di questo buco nero della storia d’Italia e dei suoi rapporti internazionali".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Strage di Ustica, la tesi della "quasi collissione"

"Mantenere viva la memoria della strage e ricordare in modi e luoghi diversi quanto accaduto - ha concluso l'assessore - è un impegno che dobbiamo tutti noi continuamente rinnovare. La memoria va conservata e preservata, ma la memoria non equivale a giustizia. Che gli Stati europei e il mondo ascoltino il dolore di quel 27 giugno 1980 e abbiano il coraggio di collaborare con la giustizia italiana per fare chiarezza, per chiudere una volta e per tutte una pagina ancora oscura della nostra storia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento