rotate-mobile
Mercoledì, 6 Luglio 2022
Cronaca

Sette carabinieri uccisi da una carica di tritolo, ricordata la strage di Passo di Rigano

Le vittime furono dilaniate 67 anni fa dall'esplosione di una carica di tritolo al passaggio del mezzo militare su cui viaggiavano: l’attentato fu messo in atto da Salvatore Giuliano

Questa mattina, il sindaco Leoluca Orlando ha partecipato alla cerimonia di commemorazione del 67° anniversario della “strage di Passo di Rigano”, l’attentato messo in atto il 19 agosto 1949 dal bandito Salvatore Giuliano, che provocò la morte di sette carabinieri per l’esplosione di una potente carica di tritolo, al passaggio del mezzo militare su cui viaggiavano.

In via Leonardo Ruggeri, è stata deposta una corona di fiori al monumento che ricorda i militari caduti: Giovan Battista Aloe di Cosenza, Armando Loddo di Reggio Calabria, Sergio Mancini di Roma, Pasquale Antonio Marcone di Napoli, Gabriele Palandrani di Ascoli Piceno, Carlo Antonio Pubusa di Cagliari e Ilario Russo di Caserta, alla presenza dei rappresentanti delle forze dell’ordine.

“Siamo qui per confermare la nostra vicinanza all’Arma dei Carabinieri – ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando –  e a ricordare il sacrificio di questi sette uomini e di coloro che, dopo quel giorno, rimasero mutilati a vita. Questa è anche occasione per ricordare anche l’impegno delle forze dell’Ordine che deve essere percepito da tutti noi non soltanto come necessaria applicazione della legge ma anche come straordinaria occasione per uno sviluppo diverso e migliore della nostra realtà”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sette carabinieri uccisi da una carica di tritolo, ricordata la strage di Passo di Rigano

PalermoToday è in caricamento