Falcone, un agente di scorta: "Se ci fosse stato l'elicottero..."

Luciano Tirindelli, all'epoca 29enne, scampato per un cambio turno alla strage di Capaci, racconta un episodio che avrebbe potuto cambiare la storia e parla del "Poli", il velivolo "negato", che quando entrava in azione "faceva paura"

Un elicottero, bastava un elicottero. Una scorta aggiuntiva per Falcone. E' quella che è mancata il 23 maggio 1992. A parlare, 21 anni dopo, è un ex agente di scorta. Che ha rivelato che se quel giorno ci fosse stato l'elicottero a sorvolare la zona, il cosiddetto "Poli", le cose sarebbero potute andare diversamente. E' un miracolato Luciano Tirindelli, all'epoca 29enne, scampato per un cambio turno alla strage di Capaci nella quale morirono Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti di scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro.

"Oltre a consentire una visuale completa del territorio, sarebbe stato soprattutto un deterrente. Faceva paura quell'elicottero. Entrava in azione con il rumore assordante della pale. Quando ce l'hai sopra la testa è una cosa spaventosa''. Tirindelli confessa il prezioso dettaglio in un'intervista a Gianluca Versace del periodico veneto Il Piave. Un elicottero che avrebbe cambiato probabilmente la storia. Il velivolo, di cui parla, sarebbe stato una scorta aggiuntiva al magistrato. ''Io dovevo essere sulla macchina blindata del 'Quarto Savona 15' quando saltò per aria allo svincolo di Capaci, sull'autostrada Palermo-Punta Raisi. Ci dovevo essere io! Perché ero io di turno. Ma avevo chiesto un piccolo favore ad Antonio Montinaro, quel giorno: il cambio di turni tra me e lui''.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ex agente fa intendere che a non volere l'elicottero sarebbe stato il dirigente della squadra mobile Arnaldo La Barbera, deceduto nel 2002. ''Se gli chiedevamo di adeguare i mezzi per fare un po' meglio la scorta avevamo sempre un diniego - racconta Tirindelli -. Era come sbattere contro un muro. Cercavamo di far capire a La Barbera che la scorta del dottor Falcone, non era come le altre e necessitava di dotazioni adeguate e particolari, uniche come il personaggio scortato. Ma ricevevamo sempre una risposta negativa, anche infastidita".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

  • Suicidio all'Uditore, cinquantenne si getta dalla finestra e muore

Torna su
PalermoToday è in caricamento