Strage di Casteldaccia, indagati il sindaco e il responsabile della protezione civile

Sotto inchiesta per omicidio colposo il primo cittadino Giovanni Di Giacinto, il suo predecessore Fabio Spatafora (in carica dal 2013 al 2018) e quattro burocrati. Nella tragedia dello scorso 3 novembre persero la vita 9 persone, tra queste anche due bambini

La strada che porta alla villetta abusiva il giorno dopo la tragedia

In sei sotto inchiesta per la strage dopo l’alluvione di Casteldaccia di novembre scorso. La Procura di Termini Imerese ha iscritto nel registro degli indagati il sindaco Giovanni Di Giacinto, il suo predecessore Fabio Spatafora (in carica dal 2013 al 2018), la responsabile della protezione civile comunale Maria De Nembo e tre burocrati: la geometra Rosalba Buglino (Area VII, controllo abusivismo e sanatoria edilizia), l’ingegnere Alfio Tornese (Area III, edilizia privata) e Michele Cara Pitissi (con la qualifica di Istruttore direttivo tecnico assunto nel ’78 e dal prossimo agosto in pensione).

I sei sono finiti al centro delle indagini della Procura di Termini insieme ai congiunti Antonino Pace e Concetta Scurria, i proprietari della villetta abusiva in cui lo scorso 3 novembre persero la vita 9 persone. Tra queste due bambini, uccisi anche loro dalla furia del fango. Tra i quattro sopravvissuti il commerciante Giuseppe Giordano, il cognato Luca Rughoo e le loro due figlie di 11 e 12 anni. Salvi per una casuale coincidenza: si erano allontanati in auto per andare in pasticceria e comprare un vassoio di dolci.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli indagati sono accusati, in concorso fra loro, di omicidio colposo. In quell’immobile, a poche decine di metri dal fiume Milicia esondato quella notte, si erano riunite due famiglie per passare insieme il tempo durante il ponte festivo. Dalle prime indagini, condotte dalla compagnia dei carabinieri e dal commissariato di Bagheria sotto il coordinamento della Procura, era emerso che la villetta era un immobile abusivo sui cui pendeva un provvedimento di demolizione dopo l'alluvione del 2009. Da allora però l’Amministrazione non avrebbe preso alcun provvedimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, coinvolto il cantante De Martino: morto un sessantenne

  • Dal pizzo alla riffa per la festa di Sant'Anna, commercianti denunciano: 20 fermi al Borgo

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Apre a Palermo l'Antica pizzeria da Michele, dopo Napoli è l'unica del Sud Italia

  • Omicidio a Camporeale, colpi di pistola in piazza: morto un ragazzo di 26 anni

  • Firmato nuovo Dpcm con le regole Covid, Musumeci: "Ora controlli costanti delle forze dell’ordine"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento