menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Stazione centrale - foto Silvia Armetta

Stazione centrale - foto Silvia Armetta

Gli strappa il cellulare mentre la vittima parla al telefono, poi chiede il riscatto: arrestato

E' successo nella zona della stazione centrale. In manette - dopo lunghe indagini - un tunisino di 28 anni, a Palermo senza fissa dimora, in manette per i reati di furto con strappo e tentata estorsione

Avvicina la vittima mentre parla al cellulare nella zona della stazione centrale, quindi le strappa il telefonino dalle mani e scappa. Poi "riaggancia" il malcapitato, dopo due giorni, per chiedere il "riscatto". Un tunisino di 28 anni, Nizar Jbeili, a Palermo senza fissa dimora, è stato arrestato per i reati di furto con strappo e tentata estorsione. La vittima, dopo aver subito il furto, ha pagato il "riscatto" per la restituzione del telefonino. Ma Jbeili, invece di rispettare i patti, avrebbe deciso di tenere con sé il cellulare.

Così è scattata la segnalazione alla polizia. La vittima ha contattato gli agenti della sezione investigativa del commissariato Oreto-Stazione che hanno avviato le loro indagini. Che si sono concluse adesso dopo due mesi.

"Sin da subito - spiegano dalla questura - i poliziotti hanno dovuto affrontare i problemi legati al fatto che il tunisino non risultava censito a Palermo. Per alcuni giorni gli agenti hanno raggiunto decine di luoghi di ritrovo di cittadini extracomunitari, alla ricerca di un nome più che di una identità e di un volto. Dopo avere ottenuto un identikit del ricercato ed avere faticosamente ricostruito stralci della permanenza dell’uomo a Palermo, lo hanno rintracciato mentre passeggiava in via Rocco Pirri".

Solo dopo avere raggiunto il Gabinetto regionale di polizia scientifica e avere confrontato le impronte del tunisino, gli agenti hanno avuto la certezza di avere a che fare con Jbeili, che in passato aveva utilizzato diversi nomi fasulli (in gergo tecnico "alias"). I poliziotti hanno, così, dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare. Il ventottenne si trova adesso recluso in carcere.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento