rotate-mobile
L'analisi

Palermo è un "paese" per vecchi, in mezzo secolo dimezzati gli under 14 e quasi triplicati gli anziani

Nel Repertorio Statistico 2021 del Comune i cambiamenti demografici vissuti dalla città negli ultimi 50 anni

Una città sempre meno popolata e sempre più vecchia. E' la fotografia scattata dal Repertorio Statistico 2021 elaborato dal competente ufficio del Comune di Palermo. Un'indagine sui principali dati relativi al capoluogo siciliano dalla quale emerge che  "dal 1971 al 2021 si è registrato un progressivo invecchiamento della popolazione: i ragazzi (0-14 anni) si sono più che dimezzati, passando da 186.676 (pari al 29% del totale) nel 1971 a 89.122 (pari al 14,0%) nel 2021, mentre gli anziani (65 anni e più) sono più che raddoppiati, passando da 58.105 (pari al 9%) nel 1971 a 141.779 (pari al 22,3%) nel 2021".

Palermo si svuota

Una Palermo che inoltre continua a svuotarsi. "La popolazione residente rilevata al Censimento permanente del 2021 è pari a 635.439 abitanti, di cui 303.851 di sesso maschile e 331.588 di sesso femminile. Rispetto al Censimento permanente del 2020 si è registrata una diminuzione di 2.446 unità, pari allo 0,4%, e rispetto al Censimento del 2011 una diminuzione di 22.122 unità, pari al 3,4%. Andando ancora più indietro nel tempo, si rileva che nel 1971 i residenti a Palermo erano 642.814, cresciuti fino a oltre 700 mila nel 1981 (701.782, +9,2%). Nel 1991 l’ammontare della popolazione è rimasto sostanzialmente stabile, appena sotto quota 700 mila (698.556, -0,5%). Nel 2001 la popolazione residente si è fermata a 686.722 abitanti, con una diminuzione dell’1,7%, e nel 2011 a 657.561, con una diminuzione del 4,2%".

Una città sempre più anziana

"Nel 2021 - si legge ancora nel dossier statistico - il 14% della popolazione residente aveva un’età compresa fra 0 e 14 anni, il 15,9% fra 15 e 29 anni, il 18,1% fra 30 e 44 anni, il 29,7% fra 45 e 64 anni, e il 22,3% un’età pari o superiore ai 65 anni". E così "l’indice di vecchiaia, dato dal rapporto fra la popolazione di 65 anni e più e la popolazione di età compresa fra 0 e 14 anni, nel periodo in esame si è quintuplicato, passando da 31,1 anziani ogni 100 ragazzi nel 1971 a 159,1 anziani ogni 100 ragazzi nel 2021" mentre "l'indice di ricambio generazionale, dato dal rapporto fra la popolazione di età compresa fra 0 e 14 anni e la popolazione di 65 anni e più, nel 2021 si è ridotto a un quinto del valore registrato nel 1971, passando da 321,3 a 62,9 ragazzi ogni 100 anziani".

Famiglie sempre meno numerose

Il Repertorio Statistico del Comune osserva ancora come anche la struttura delle famiglie abbia fatto registrare significativi cambiamenti nei cinquant’anni in esame: "Nel 1971 a Palermo vi erano 169.940 famiglie, con una dimensione media di 3,7 componenti per famiglia. Nel 2019, dopo quasi cinquant’anni, le famiglie sono 256.409, e la dimensione media si è ridotta a 2,5 componenti per famiglia. Nel 1971 le famiglie mono-componente rappresentavano il 10,3% del totale, nel 2019 sono cresciute fino al 28,9%. Per converso, le famiglie numerose, con 6 componenti e più, che nel 1971 rappresentavano il 15,4% del totale, nel 2019 si sono ridotte al 2,1%".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palermo è un "paese" per vecchi, in mezzo secolo dimezzati gli under 14 e quasi triplicati gli anziani

PalermoToday è in caricamento