Misilmeri, cadono calcinacci da cavalcavia: chiuso tratto della statale

Il traffico è stato deviato su strade secondarie. Sul posto i vigili del fuoco per un'ispezione dell'infrastruttura mentre al personale Anas il compito di gestire la viabilità

La statale 121 "Catanese" è stata provvisoriamente chiusa al traffico, nei pressi di Misilmeri, per la caduta di calcinacci da un cavalcavia al km 250. A renderlo noto è l'Anas sottolineando che "il cavalcavia in questione è di competenza di un altro gestore stradale". Sul posto è stata effettuata un'ispezione da parte dei vigili del fuoco mentre il personale Anas ha gestito la viabilità deviata provvisoriamente su strade secondarie. La normale circolazione è ripresa dopo circa un'ora.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Articolo aggiornato il 4 agosto 2020 alle ore 18.18

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento