Acqua chiusa, allarmi che suonano di notte: denunciato 67enne "incubo" dei vicini

Otto anni di vessazioni (dal 2011) per una famiglia bagherese. L'uomo una volta ha addirittura appiccato un fuoco per far entrare il fumo dentro la loro casa. Poi gli ha rubato la cassetta della posta. Per lui è scattato il divieto di dimora nel comune

Dal 2011 avrebbe reso impossibile la vita dei suoi vicini di casa perseguitandoli. Per questo la polizia oggi ha eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare del divieto di dimora nel Comune di Bagheria, emessa dal gip del Tribunale di Termini Imerese, nei confronti di un bagherese di 67 anni. Le indagini, svolte dagli agenti, avrebbero confermato quanto denunciato dalle vittime: l'uomo si sarebbero reso protagonista negli ultimi anni di gratuiti e immotivati atti di violenza privata nei loro riguardi. 

I dissapori sono cominciati quando, a causa di alcune incomprensioni legate ai lavori di manutenzione del manto della strada privata interpoderale, l’uomo ha iniziato a molestarli posteggiando i suoi mezzi (auto, furgoni e autocarri, alcuni dei quali non più idonei alla circolazione stradale) lungo la stradella in modo da impedire ai vicini il transito e ostruire l’ingresso della loro abitazione, chiudendo le valvole dell'acqua in modo da interrompere il loro approvvigionamento, attivando di proposito in piena notte l’allarme acustico dei suoi veicoli per disturbarli.

E ancora: avrebbe rubato la loro cassetta della posta, manomesso l’impianto del loro videocitofono recidendo i fili di alimentazione, lanciato sassi contro il cancello della loro abitazione e, addirittura, acceso roghi per riempire, sfruttando il vento, la casa dei vicini di fumo. Per sottrarsi a tutto questo le vittime sono state costrette a cambiare le loro abitudini di vita passando gran parte del tempo in casa di parenti o amici.

I poliziotti sono riusciti a trovare le conferme ai loro racconti raccogliendo numerosi indizi di colpevolezza nei confronti del 67enne, già in passato peraltro coinvolto in un procedimento per condotte analoghe ai danni di altri suoi vicini e colpito per questo da un “Ammonimento” del Questore e poi sottoposto ad una misura cautelare. Incubo finito quindi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Belmonte, Bmw finisce fuori strada e prende fuoco: morti due ragazzi

  • Via Maqueda, colpito alla testa mentre passeggia: grave 33enne

  • Rovigo, palermitano strangola e uccide la moglie di 23 anni

  • Il duplice omicidio allo Zen, veglia notturna non autorizzata ai Rotoli: familiari allontanati

  • Mafia, sequestrato tesoro del boss Salerno: ci sono anche tabaccheria e focacceria

  • Pallavicino, prof rimprovera alunna: la mamma si fionda a scuola e lo schiaffeggia

Torna su
PalermoToday è in caricamento