Cronaca viale del Fante

Stadio delle Palme, al via il restyling: Comune stanzia 590 mila euro

Quello che una volta era il tempio dell'atletica nel tempo è diventato, tra le polemiche, luogo prediletto per i grandi eventi. La pista di riscaldamento è piena di buche. L'Associazione Comitato Civici: "Finalmente la struttura sarà messa in sicurezza"

Il Comune ha stanziato 590 mila euro per il restyling dello Stadio delle Palme. Possono esultare gli sportivi palermitani. La pista di riscaldamento - come hanno più volte denunciato gli utenti dell'impianto di viale del Fante - è piena di buche e crepe pericolose per le caviglie, e non solo, degli atleti. E anche l'attrezzatura ormai vecchia aveva fatto il suo tempo. L'associazione Comitati Civici Palermo, presieduta da Giovanni Moncada, da tempo aveva sottolineato la necessità di mettere in sicurezza quello che una volta era il tempio dell'atletica: "La struttura necessitava di interventi di manutenzione urgenti, come confermato dal provvedimento ora deliberato dal Comune". 

L'anno scorso l'associazione, insieme all’Associazione Vivo Civile, presieduta da Marcello Robotti, e all’ex gruppo consiliare dei Comitati Civici (Filippo Occhipinti e Gaspare Lo Nigro) presentò un esposto alla Procura della Repubblica contro l'utilizzo dello Stadio delle Palme per manifestazioni musicali e organizzò una protesta, all'interno della struttura, per "salvare lo Stadio delle Palme e lo sport".

La struttura è stata la location, tra gli altri, del concerto dei Negramaro e Mika. In quella occasione anche l'allora vicepresidente vicario del Consiglio comunale, Nadia Spallitta, scese in campo contro i concerti: "Stiamo parlando di un impianto di atletica leggera e che deve essere utilizzato esclusivamente per lo sport, come stabilito dall’articolo 1 del regolamento della struttura, dunque non capisco come possa essere violato o derogato questo divieto. Non condivido la scelta dell’Amministrazione di localizzare eventi così importanti presso strutture a mio avviso inadeguate in quanto destinate urbanisticamente e funzionalmente ad altro. Vorrei tra l’altro comprendere come si possa conciliare un concerto, con 9 mila potenziali spettatori, con un certificato di agibilità che fino ad oggi è stato rilasciato solo per manifestazioni sportive e fino a 3.200 posti". Adesso, l'impianto intitolato a Vito Schifani, tornerà al suo antico splendore e ad essere il regno dell'atletica.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stadio delle Palme, al via il restyling: Comune stanzia 590 mila euro

PalermoToday è in caricamento