rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
La lettera

Precari Università, sindacati al rettore: "Stabilizzazioni decreto Madia ferme"

Flc Cgil Palermo e Cgil Palermo: "Ancora nessun risultato sulla ricognizione del personale precario avviata un anno fa"

"A quasi un anno dall’avvio della ricognizione del personale precario da stabilizzare, l’Università non ha ancora reso noto ai sindacati l’esito della verifica". A scriverlo sono, in una lettera inviata al rettore Massimo Midiri, i segretari Flc Cgil Palermo Fabio Cirino e Cgil Palermo Mario Ridulfo. La ricognizione è necessaria per l’assunzione, prevista l’articolo 20 del decreto Madia, del personale precario che da anni svolge funzioni essenziali all’interno dell’ateneo.      

Flc e Cgil attendono una risposta. In caso contrario, chiederanno un nuovo incontro. "Lìamministrazione non è ancora giunta ad alcuna determinazione in merito né ha ancora comunicato l’esito della ricognizione, indicando l’eventuale sussistenza delle condizioni previste a vario titolo per l’avvio delle procedure di stabilizzazione o di assunzione con contratti a tempo indeterminato", dichiarano i segretari generali Fcl Cgil Palermo Cirino e Cgil Palermo Mario Ridulfo.    

In seguito all’interrogazione presentata nella seduta del 5 ottobre dalla rappresentante Flc Cgil Palermo in Senato accademico, e alla nota inviata il 7 gennaio da Flc Cgil, Uil e Gilda, le organizzazioni sindacali non hanno ancora ricevuto risposta. "Informalmente sapevamo che si era in attesa di un parere del ministero della Funzione pubblica e di un parere legale interno, che avevano richiesto", dicono Fabio Cirino e Mario Ridulfo.    

"La Flc Cgil – proseguono i due segretari generali - ha sempre lottato con successo al fianco dei lavoratori precari ottenendo, negli scorsi anni, la stabilizzazione del personale anche in applicazione del comma 1 ex art.20 del decreto Madia. E ancora una volta il nostro sindacato torna a chiedere, con forza e determinazione, garanzie sul diritto a un lavoro stabile e sicuro per tutti i lavoratori precari, senza distinzioni, attraverso l’applicazione di tutti gli strumenti normativi disponibili. In tal senso, le aspettative dei lavoratori precari sono ampiamente confortate dal quadro normativo di riferimento, volto al superamento del precariato nella pubblica amministrazione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Precari Università, sindacati al rettore: "Stabilizzazioni decreto Madia ferme"

PalermoToday è in caricamento