Cronaca

Sanità, parte del personale escluso dalla stabilizzazione: "Uniformare le direttive"

La richiesta arriva da Fials-Confsal: "La delibera di Giunta regionale dispone l’avvio del processo di stabilizzazione, solo per i precari degli enti locali ed il personale della Regione Siciliana". Dall'assessorato alla Salute la promessa di rimediare

"Il personale contrattista che opera all’Asp Palermo e all’Azienda Ospedali Riuniti Villa Sofia – Cervello è escluso dalla stabilizzazione". A lamentare questa diversità di trattamento sono il personale a tempo determinato e i precari storici ex Lsu delle aziende sanitarie palermitane che lunedì scorso hanno organizzato un sit-in, organizzato dalle organizzazioni sindacali Fials-Confsal, davanti alla sede dell'assessorato regionale alla Salute.

Chiedono direttive uniformi e chiare da inviare a tutte le aziende sanitarie per rendere più semplice l'interpretazione e agevolare la stabilizzazione dei lavoratori. "La delibera di Giunta regionale n. 413 del 15 settembre 2017 - spiegano dall'organizzazione sindacale - dispone l’avvio del processo di stabilizzazione, secondo le legge statali e regionali solo per i precari degli enti locali ed il personale della Regione Siciliana, discriminando tutti gli altri".

Il dirigente generale dell’assessorato Tozzo ha ricevuto una delegazione di sindacalisti e si è dichiarato disponibile ad emanare venerdì una ulteriore circolare-direttiva esplicativa indirizzata a tutte le aziende ospedaliere, al fine di chiedere la omogeneità di comportamenti nei confronti di tutto il personale precario della Sanità.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, parte del personale escluso dalla stabilizzazione: "Uniformare le direttive"

PalermoToday è in caricamento