Cronaca

Madre presa a sprangate e ridotta in fin di vita: 44enne resta in carcere

I fatti sono avvenuti a Giardinello. La donna, 80 anni, è stata colpita mentre si trovava nella sua abitazione sulla strada provinciale 1. Si trova ricoverata all’ospedale Villa Sofia in gravissime condizioni

Mario Lino Geloso, l'uomo che mercoledì sera aveva colpito la madre con una spranga più volte alla testa e al torace, rimane in carcere. Lo ha deciso il giudice. I fatti sono avvenuti a Giardinello. L’uomo, 44 anni, nato in Canada, è accusato di avere ridotto in fin di vita la madre Giuseppa Donato, 80 anni, colpita mentre si trovava nella sua abitazione sulla strada provinciale 1.

Ai carabinieri che lo avevano fermato dopo l’aggressione, Geloso aveva raccontato di essere stato in cura per problemi psichici fino a pochi mesi fa. I militari lo hanno portato nel carcere dei Pagliarelli.

La madre si trova ricoverata all’ospedale Villa Sofia in gravissime condizioni. E’ sempre in coma farmacologico e oggi l’equipe del professore Antonio Iacono, primario del Trauma Center, proverà a verificare le condizioni neurologiche. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Madre presa a sprangate e ridotta in fin di vita: 44enne resta in carcere

PalermoToday è in caricamento