Cronaca Malaspina / Via Leonardo da Vinci, 110

Sei ragazze e il rapporto padre-figlia: spot palermitano ai Leoni di Cannes

Un lavoro a metà tra l'advertising e un esperimento sociale. Una voce narrante fornisce degli indizi alle sue ascoltatrici, mentre lo spettatore scopre gradualmente cosa c'è dietro. Il video della Tokay Creative Studios, patrocinato gratuitamente da Arcigay, concorrerà a Cannes

(da sinistra) Alice Tardì e Antonio Rao, della Tokay Creative Studios

Sei ragazze, isolate da un paio di cuffie nonostante il caos del centro storico, un testo emozionale in cui gli indizi portano le protagoniste a "scoprire" l'importanza dell'unico, forse, "uomo della loro vita". Sono questi alcuni degli ingredienti del video, prodotto da Young & Rubicam Italia e realizzato dall'azienda palermitana Tokay Creative Studios, che parteciperà, con il patrocinio gratuito dell'Arcigay Palermo, ai prossimi "Leoni di Cannes", il festival internazionale della creatività nel mondo pubblicitario che si terrà a fine giugno a Palais des Festival nella cittadina che affaccia sulla Costa Azzura.

GUARDA IL VIDEO

L'associazione di promozione sociale, che lotta per i diritti gay "promuove così, con delicatezza e intimismo, il valore di quei padri che con maturità e sensibilità sono capaci di costruire relazioni mature con i propri figli, indipendentemente dal loro orientamento sessuale". Tokay Creative Studios, agenzia locale di comunicazione e marketing, sempre attenta nei propri lavori alle tematiche più delicate e ai tabù (così come fece nella campagna pubblicitaria per conto di un'azienda palermitana di ceramiche e arredo bagno), ha realizzato qualcosa che fosse più di un "semplice" video, dando vita ad un vero e proprio esperimento sociale in strada.

Le protagoniste dello spot hanno indossato le cuffie nell'affollatissima via Ruggero Settimo, riuscendosi a estraniare dal contesto e concentrandosi sugli indizi che man a mano la voce narrante, quella di Dario Raimondi, forniva loro. "Volevamo carpirne le emozioni - spiega il regista Antonino Rao, alla guida della Tokay - facendo vivere allo spettatore, contemporaneamente alle ascoltatrici, quel susseguirsi di informazioni. Abbiamo fatto sentire loro un testo, scritto dai copywriters Chiara Lupo, Simone Vaccaro e Alice Tardì, in cui si facesse riferimento, gradualmente, all'unica figura maschile della loro vita".

Sul progetto ci ha visto lungo "l'uomo degli spot", il palermitano Vicky Gitto,direttore creativo esecutivo dell'agenzia Y&R Italia, una delle più importanti nel settore. Qualcosa lo ha colpito nel profondo, convincendolo a lavorare con la Tokay insieme a Mariano Legname, direttore creativo della stessa agenzia. L'obiettivo, nelle intenzioni, è quello di regalare qualche emozione agli spettatori nel "mese del papà", o quantomeno a tutti coloro "che hanno sostenuto le loro figlie lesbiche con amore e affetto incondizionato", scrivono a corredo del video, "puntando sul rapporto padre-figlia e sull'aspetto emotivo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sei ragazze e il rapporto padre-figlia: spot palermitano ai Leoni di Cannes

PalermoToday è in caricamento