Cronaca

Spese pazze all'Ars, condannato Leontini: dovrà risarcire 97 mila euro alla Regione

Lo ha stabilito la Corte dei conti con una sentenza emessa nei confronti dell'ex capogruppo del Pdl. Tra le voci contestate pranzi al bar e alla buvette, spese telefoniche e per il carburante nonché dei gioielli acquistati a Modica

Quarta condanna sulla “spese pazze” all’Ars. La Corte dei conti ha stabilito con una sentenza che Innocenzo Leontini, ex capogruppo del Pdl all’Assemblea regionale siciliana, dovrà risarcire alla Regione 97 mila euro per gli esborsi ingiustificati con i fondi del gruppo parlamentare. Il giudizio è scattato dopo un’indagine della guarda di finanza sulla legislatura 2008-2012.

Come per i suoi colleghi già condannati, a Leontini vengono contestate numerose voci: 14 mila euro al spesi tra bar e buvette dell’Ars, 5 mila euro di spese di carburante, 10 mila di spese telefoniche e 15 mila per un patrocinio legale. L'ex capogruppo del Pdl ha giustificato circa 8 mila euro di spese per i necrologi e 7 mila euro per oggetti acquistati presso una gioielleria di Modica. Prima di lui la Corte dei conti aveva condannato anche Rudy Maira (407 mila euro), Francesco Musotto (600 mila euro) e Dino Fiorenza (42 mila euro).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spese pazze all'Ars, condannato Leontini: dovrà risarcire 97 mila euro alla Regione

PalermoToday è in caricamento