Droga nascosta in un'edicola votiva, polizia arresta due pusher allo Sperone

Giorgio Modica e Giorgio Leto, entrambi 25enni, sono stati colti in flagranza di spaccio nei pressi del passaggio De Felice Giuffrida, Tra l'arredo sacro rinvenuto un borsello con 14 stecchette di hashish. Segnalati i "clienti" che acquistavano gli stupefacenti

La droga la nascondevano in un'edicola votiva, accanto all'immagine di un santo. Un insospettabile nascondiglio, che però i poliziotti del commissariato Brancaccio hanno scovato dopo un accurato sopralluogo. E' scattato così l'arresto per due pusher dello Sperone: Giorgio Modica e Giorgio Leto, entrambi 25enni, sono stati colti in flagranza di spaccio nei pressi del passaggio De Felice Giuffrida, proprio all’interno del popolare quartiere nella zona est della città.

I due giovani erano il riferimento di numerosi automobilisti, con i quali scambiavano denaro per droga. Nella nicchia, nascosta tra l'arredo sacro, gli agenti di polizia hanno rinvenuto un borsello con 14 stecchette di hashish. I poliziotti, appostati in incognito, hanno potuto documentare diversi "scambi"; al contempo hanno provveduto a fermare ed identificare di volta in volta, poco distante, gli acquirenti della droga.

I pusher sono stati bloccati, perquisiti e trovati in possesso di una ragguardevole cifra, riconducibile allo spaccio. Modica e Leto, pertanto, sono stati arrestati. Arresti poi convalidati dall'autorità giudiziaria. Tutti i "clienti" fermati dopo l’acquisto della droga sono stati, invece, segnalati alla competente autorità amministrativa quali assuntori di sostanze stupefacenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Coronavirus, divieto di spostamenti tra regioni valido anche per quelle in area gialla

Torna su
PalermoToday è in caricamento