rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca

Spazzatrici di notte, la Rap pronta a pulire in altri quartieri: "Il Comune implementi l'ordinanza"

L'azienda ha chiesto all'amministrazione di inserire altre strade nell'atto che prevede il servizio al momento soltanto nell'ottava circoscrizione

Dal 26 aprile prossimo, la Rap è pronta ad avviare in altri quartieri della città, con il supporto dell’Amat e della polizia municipale, il servizio di spazzamento meccanizzato notturno attraverso l’istituzione di zone di rimozione temporanea (come già fatto con l’ottava circoscrizione). “La necessità di implementare l’ordinanza sindacale n° 646 del 26 agosto 2020 (limitata alla ottava circoscrizione) con vie e piazze insistenti su altre circoscrizioni – spiega l’amministratore unico di Rap Girolamo Caruso – nasce dalle numerose richieste pervenute alla Rap da parte della cittadinanza residente negli altri quartieri visti i risultati positivi ottenuti nei quartieri dell’ottava circoscrizione. Nel merito, dopo avere condiviso il progetto con i presidenti delle circoscrizioni al tempo non ricomprese nella ordinanza sindacale 646/2020, si è provveduto nelle scorse ore - aggiunge Caruso - a trasmettere all’amministrazione comunale la necessaria proposta di ordinanza sindacale con allegato l’elenco delle nuove strade da ricomprendere nel circuito dello spazzamento meccanizzato notturno".

Spazzamento meccanizzato, cosa è previsto

Rap ha previsto giornalmente, dal lunedì al venerdì, due itinerari di spazzamento con l’ausilio di almeno una spazzatrice ad itinerario con al seguito un moto-lambro per la rimozione dei rifiuti solidi urbani abbandonati. Tutte le vie in calendario saranno comunque oggetto di monitoraggio preventivo per eventuali rimozioni di rifiuti ingombranti che possano ostacolare il passaggio dei mezzi Rap. L’obiettivo dell'azienda è quello di poter consentire nel tempo (nel momento in cui dovesse rientrare la precarietà delle risorse umane) almeno un passaggio al mese nelle 135 vie inserite nel suddetto piano, per uno sviluppo complessivo di circa 50 chilometri.

"Ho chiesto all’azienda un ulteriore sforzo; sono consapevole della circostanza che dovrei poter effettuare maggiori interventi - precisa l’amministratore unico di Rap - o una migliore frequenza di interventi, ma in questo momento il progetto in parola è il massimo che possiamo garantire per dare risposte alla città". Oltre alle attività di ripristino del decoro urbano ed interventi contro le discariche abusive, l’azienda, dalla prossima settimana, sarà impegnata, insieme all’amministrazione comunale, nella prima circoscrizione e con la Srr Palermo Area Metropolitana, anche per estendere la raccolta differenziata in altre zone della città.

Differenziata e isole ecologiche mobili: le prossime tappe

Nello specifico: il 19 aprile sarà avviata la raccolta differenziata per le attività commerciali nelle aree comprese nel quadrilatero delimitato dalle vie Maqueda, Roma, Cavour, piazza Giulio Cesare e le utenze commerciali su corso Vittorio Emanuele, nel tratto compreso tra la via Roma e la via Matteo Bonello (prima circoscrizione).

Il 18 maggio sarà esteso il sistema di isole ecologiche mobili, già sperimentato su Borgo Molara anche per la via Paruta ed aree limitrofe (via dell’Acacia, via Due Vanelle, via dei Fiori, via Lenin Mancuso, via Anna Magnani, via Turi Pandolfini, via Filippo Paruta, via Federico Paulsen, via Domenico Russo, via Saitta, Cortile Saitta, via Saitta Longhi, via Santa Venera, via Cesare Terranova , via Santicelli, Piazzale Montalto Ciaccio, Piazzale Carpino, via Oneto Maio). In questo caso saranno coinvolti dal servizio di raccolta differenziata 6.217 residenti, 2.397 famiglie e 380 circa attività commerciali (quarta circoscrizione).

Le reazioni

"Bene l'estensione da parte di Rap del servizio di spazzamento meccanizzato in altre zone della città. Al tempo stesso chiediamo di modificare l'ordinanza attualmente in vigore in Ottava circoscrizione", questo quanto afferma il presidente dell'VIII circoscrizione Marco Frasca Polara. "A tre mesi di distanza dall'avvio, il servizio non può continuare ad essere sperimentale, deve entrare a regime. Occorre, pertanto - conclude Frasca Polara - adeguare al più presto la segnaletica verticale all'effettiva frequenza degli interventi in modo da evitare di creare confusione ed evitare contestazioni da parte dei cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spazzatrici di notte, la Rap pronta a pulire in altri quartieri: "Il Comune implementi l'ordinanza"

PalermoToday è in caricamento