Mafia, il pentito Spatuzza rivela: "Procurai esplosivo per strage Capaci"

"Ci recammo a Porticello su un peschereccio attraccato al molo da dove recuperammo dei cilindri. Poi constatai che c'erano delle bombe". Il collaboratore di giustizia si era autoaccusato anche per la strage di via D'Amelio

Il pentito Gaspare Spatuzza ha rivelato ai magistrati di Caltanissetta, che conducono le indagini sulle stragi mafiose del '92, di avere reperito l'esplosivo utilizzato per compiere l'attentato di Capaci al giudice Giovanni Falcone. Spatuzza che procurò anche la Fiat 126 utilizzata come autobomba in via D'Amelio - come si legge sul sito web dell'Ansa - racconta: "Ci recammo a Porticello su un peschereccio attraccato al molo da dove recuperammo dei cilindri. Successivamente constatai che al loro interno vi erano delle bombe".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • Maltempo in arrivo: temporali e rischio grandine, scatta l'allerta meteo

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

  • Coronavirus, in Sicilia 32 nuovi casi (più della Lombardia): 5 a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento