Colpi di pistola allo Zen, segnalata una sparatoria: trovati bossoli per terra

I carabinieri sono intervenuti nei pressi di via Luigi Einaudi. Sul posto anche il personale della scientifica per i rilievi

(foto d'archivio)

Spari allo Zen. I carabinieri sono intervenuti oggi dalle parti di via Luigi Einaudi per le segnalazioni arrivate su alcuni colpi di pistola esplosi in strada. In pochi minuti sono arrivate numerose pattuglie che hanno chiuso temporaneamente la strada all'altezza di via Ludovico Bianchini per effettuare i rilievi con il supporto del personale del servizio investigazioni scientifiche.

Secondo le prime informazioni sarebbero stati trovati per terra diversi bossoli. Dopo le prime ore di indagini sono ancora pochi gli elementi acquisiti dagli investigatori, che dovranno chiarire chi abbia premuto il grilletto e quale fosse l'obiettivo, se abbia mancato il bersaglio o meno. Per il momento non risultano esserci feriti ma in queste ore bisognerà vedere se qualcuno si sarà presentato in ospedale con qualche ferita sospetta.

Nel quartiere alla periferia nord della città già in serata è calato il silenzio, ma stando al racconto di alcuni residenti già nel pomeriggio si era percepita una certa tensione nell'aria. L'ultimo episodio simile nella zona risale ad aprile scorso. In quell'occasione erano stati segnalati due colpi di pistola che avevano raggiunto una finestra e un muro di una palazzina dalle parti di via Agesia di Siracusa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento